Castellammare

Vincenzo Perrone

Castellammare
poesia di Vincenzo Perrone

Castellammare

Castellammare

Castellammare: sole, terme e mare
‘na passiggiata p’‘a Villa
‘nu gelatiello a mirtillo
e te siente cchiù ommo
miez’‘a tanta piccirille e femmene belle.

Po’ aize ll’uocchie e vire a isso:
sua maestà ‘o Vesuvio
ca te guarda e te rice:
“Ma te riende conto
addo’ campe?”

Ma cunosce pure
tanta brutte realtà
e chesta nostra bella Città!
Uommene troppe ‘nsiste
‘a stann’accerenno.

Popolo Onesto scetate
e ripigliate chesta terra
ricca e preziosa
s’è stancata ‘e essere
sempe generosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.