Dalla radio FM alla WebRadio con l’Altra Rete Project

Dalla radio FM alla WebRadio con l’Altra Rete Project, 38 anni di radiofonia libera

l'Altra Rete

l’Altra Rete

Nel 1976 a Castellammare di Stabia, a Radio Tirreno Sud iniziavano le trasmissioni radiofoniche di “Radio Rimorchio”; una trasmissione scritta e condotta da Corrado di Martino che trattava di musica e varie amenità…

Oltre al desiderio d trasmettere buona musica, c’era anche l’ambizione di “rimorchiare” qualche bella fanciulla. Nel 1977, da una clavicola di Radio Rimorchio, sempre con la medesima firma, prendeva origine “Onda su Onda” un programma satirico che prendeva in giro proprio il modo di fare radio libera, scherzando sull’instabilità delle frequenze che tendevano ad accavallarsi l’una all’altra; proponendo personaggi improbabili come un conduttore semianalfabeta; una massaia che dava ricette senza significato ed altri. Fra il ‘79 e l‘80, sempre a Castellammare; su Radio Antenna Faito, una radio di piccolo cabotaggio, ricca di personalità e non solo; un gruppo amatoriale di attori comici mandava in onda “L’Altra Rete” un programma ancora acerbo, ma con profonde convergenze con Onda su Onda; anche perché c’era lo zampino di Corrado nella tessitura drammaturgica. Facevano parte di questo gruppo: Antonio Cappelli Giogiò; Vincenzo di Martino; Gerardo Gargiulo e Vincenzo Tassar. Dal 1980 Corrado porta tutti con sé a Radio Tirreno Sud; iniziano sulle frequenze in FM della RTS, gli spettacoli multiformi e spumeggianti de’ “l’Altra Rete”. Un continuo avvicendarsi di attori e personaggi da: Anna Spagnuolo a Gaetano Amato, da Annamaria Chierchia a Alessandra e Paola Greco; da Lino Muollo a Mimmo Ciavolino ed altri ancora, creava di puntata in puntata delle esilaranti situation comedy. Pio Negri, giovanissimo tecnico elettronico, capace di riparare/modificare anche uno Shuttle, affiancava Corrado già dal 1976 e prendeva a balia anche questo nuovo gruppo di matti, costruendo pezzo dopo pezzo, sketch dietro a sketch, quello affascinante spettacolo radiofonico che riceveva commenti entusiastici anche dall’estero (attestati sono pervenuti oltre che da tutta Italia, ad esempio dalla Sardegna, dove esisteva un vero e proprio gruppo d’ascolto; anche da mezza Europa: dalla Svezia e dalla Germania). L’avvento delle TV private, la maturità responsabile di tutti i partecipanti, la partenza per motivi di lavoro di Corrado spensero lentamente le luci del varietà radiofonico de’ l’Altra Rete. Come nella vicenda del Bennu, a fine 2010 (ottobre-novembre), Corrado e Pio Negri (mago Merlino) prova dopo prova tecnica, riprendono il bandolo della vecchia trasmissione, questa volta sul web. A partire dal 16 ottobre 2010; con “l’Altra Rete Project” anche Castellammare di Stabia ha delle proprie trasmissioni web-radiofoniche e non solo, infatti l’Altra Rete Project si occupa oltre che di radiofonia anche della produzione di video-interviste a tutto tondo. La Web-Radio approda nella città termale, grazie al Gruppo de’ l’Altra Rete Project. Si rimette insieme la vecchia squadra; Vincenzo Tassar, artista poliedrico e proteiforme è il primo ad affiancare Corrado di Martino nella nuova avventura; dopodiché entrano nel gruppo (nuovi per questo tipo di esperienza, ma già radiofili a loro volta) Giuseppe Zurlo e successivamente Alberto Mirisola, dopo di loro prende a collaborare col team a pieno titolo, Nicola Ruocco, attore amatoriale del “Gruppo Teatro Quarto Piano”, di cui Corrado di Martino è Direttore Artistico. Dal 9 dicembre 2010, viene abbandonata la piattaforma Spreaker.com, che fino a quel momento aveva ospitato il gruppo, per il passaggio a www.radiofree.it. Riprende vita l’Altra Rete, le daranno vigore: il sempre generoso Gaetano Amato, Giovanna Piedipalumbo, Rita Barretta, Colomba Trombetta, Mimmo Montagnaro, Nicola Ruocco, Paola e Flaviano (in collegamento da Bologna), sporadicamente: Mimmo Longobardi, Delfina Ruocco, Michela Migliore, Gennaro Sammarco e Salvatore Donnarumma. Attualmente, la formazione stabile de’ l’Altra Rete è la seguente:

Corrado di Martino, autore e conduttore del programma; Vincenzo Tassar, attore e interprete di numerosi personaggi; Nicola Ruocco, attore, insuperabile spalla in ogni sketch rappresentato; Vincenzo di Martino, attore e interprete di svariati personaggi, spesso in collegamento esterno; Salvatore Donnarumma, amabile compagno di viaggio; Gennaro Sammarco, a volte, con i suoi interventi telefonici; Michela Migliore, per la parte redazionale, grafica e promozionale, compito svolto in maniera magistrale; Pio Negri, interprete del personaggio esoterico del mago Grader Mande oltre che prestigioso regista audio.

 La trasmissione viene diffusa sul web, in diretta ogni venerdì alle ore 20.30 circa, da varie testate: www.radiofree.it (radio madre); www.webradiostation.it; www.radiomillecuori.it; e in modulazione di frequenza sui 95,3 Mhz, di WIKIRadio, una radio che trasmette in FM dalla città di Frosinone.

Nella corba de’ l’Altra Rete Project, troviamo anche le trasmissioni: l’Altra Dedica 2.0; programma di musica a richiesta in onda il sabato dalle ore 19,00 su www.radiofree.it; e Panta Rei, fiore all’occhiello del gruppo; in onda tutti i giovedì alle ore 15,00 su www.radiofree.it e su moltissime altre radio sparse sul territorio nazionale ad orari diversi, ecco un elenco completo delle radio che trasmettono Panta Rei:

 -WEB RADIOSTATION

-RADIOMILLECUORI

-RADIODELTA

-RADIODANZA.IT

-RADIOSKYLAB.IT

 radio FM:

-RADIO STELLA

-RADIO TRC

-RADIO STEREO SOUND

-RADIO ANTENNA BORGETTO

-RADIO L’ISOLA CHE NON C’è

-RADIO FANTASY

-SUSA ONDA RADIO

-RADIO STUDIO 24

-WIKI RADIO

-LA VOCE DI VENEZIA

-RADIO MILLE CUORI

-RADIO DANZA

-RADIO HANGAR73

-RADIO TIGULLIO

About 

Collaboratore di Redazione
Autore di teatro e autore radiofonico; filmaker, narratore. E' laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Sociologia delle Comunicazioni. E' laureato in Comunicazione d'Impresa e Comunicazione Pubblica; con specializzazione in Comunicazione Politica. E' responsabile della sezione Video di LR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.