Caponata stabiese

Ricetta originale del rinomato chiosco “Immacolata”.

Caponata stabiese (località Acqua della Madonna)

Caponata stabiese (località Acqua della Madonna)

Chi conosce Castellammare sa che uno dei luoghi simbolo della città sono i chioschi del quartiere “Acqua della Madonna”. I chioschi, aperti nel periodo estivo, servono stuzzicherie e specialità locali che fanno da contorno all’assaggio delle acque che sgorgano fresche e limpide dalle vicine sorgenti dell’Acqua Acidula e della Madonna.
Una delle specialità più gustose è la Caponata stabiese, piatto semplice da preparare che racchiude i sapori e gli odori della terra di Stabia.

Ingredienti per una persona:

Una “chianetta” (fresella circolare di grano duro)
un pomodoro tondo per l’insalata
quattro olive verdi
un’acciuga salata
una manciata di melanzane a funghetti sott’olio
un pizzico di sale
un pizzico di origano
olio extra vergine di oliva quanto basta

Preparazione:

( tempo: circa 10 minuti    –    difficoltà:  * )

La preparazione di questo gustoso piatto è estremamente semplice, l’unica accortezza che si deve prestare è quella di mettere gli ingredienti nell’ordine esatto. Prendete la “chianetta” e bagnatela leggermente in acqua fresca (fate attenzione a non bagnarla troppo, la fresella deve ammorbidirsi appena, appena!) disponetela poi in un piatto piano. Tagliate il pomodoro a fette circolari non troppo spesse, disponete le fette (circa quattro) sulla “chianetta” e salatele leggermente. Aggiungete alcune melanzane sott’olio, le quattro olive verdi e l’acciuga salata tagliata in quattro parti. Condite il tutto con una spolverata di origano e un filo d’olio extra vergine.

Per segnalazioni, consigli o nuove ricette scrivere a: liberoricercatore@email.it

About 

Collaboratore di Redazione

Naturalista e giornalista pubblicista, è laureato in Scienze della Natura, con specializzazione in Divulgazione naturalistica e Museologia scientifica, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E' responsabile della pagina Twitter di LR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *