Un San Catello al passo con i tempi…

editoriale di Maurizio Cuomo

Alcuni giorni fa, in compagnia di Enzo Cesarano, sono andato in cattedrale per un approfondimento di una mia ricerca, in tale occasione ci è capitato di intervistare il sig. Mario Vanacore, organista della concattedrale.

Coroncina a San Catello

Coroncina a San Catello

Mario consumata persona di chiesa e profondo conoscitore di arte sacra, spaziando con estrema padronanza da un argomento all’altro, quando si è parlato del nostro San Catello, riportando un’omelia del parroco, ha palesato a chiari parole e con particolare apertura mentale, un pensiero estremamente sottile e profondo che a seguire riporto in sintesi:

“Nel pieno rispetto della tradizione – dice Mario – i nostri antenati ci hanno tramandato il culto di San Catello, un antico culto fatto di pia devozione che ogni anno, per grazia di Dio, si ravviva e si rinnova con le gesta del popolo stabiese, rito che si è ripetuto perpetuandosi per numerosi secoli, fino ad arrivare ai giorni nostri. Di controparte, non possiamo però ignorare, che la società ha una sua naturale evoluzione, fatta di scoperte, invenzioni ed altro… per tal motivo, oggi è inimmaginabile che i giovani (presi dai tanti interessi: internet, videogames e altre stravaganze “multimediali”), continuino l’opera dei loro avi; da ciò, forza causa il ricambio generazionale (quello ad esempio dei portatori di San Catello), purtroppo, ahimè, è destinato a finire.

Lo stesso “Inno di San Catello“, scritto con tanta devozione da mons. Sarnelli, suggestiva preghiera del popolo di Stabia, descrive una Castellammare che più non ci rappresenta, ad esempio nell’ultima strofa si parla di: due cantieri, le acque (terme)…, ma “addò stanne?!”, queste ricchezze, purtroppo, ci sono, ma non ci appartengono più.

Inno di San Catello (ultima strofa)

Inno di San Catello (ultima strofa)

L’Inno di San Catello, fermo restando che trattasi di un’opera altamente evocativa, con tutto il rispetto, dovrebbe essere modificato e contestualizzato, altrimenti rischia di non essere riconosciuto dai giovani stabiesi… Mi spiego? Allora questo è il discorso: o riapriamo i cantieri e le terme o contestualizziamo, altrimenti non passerà tempo che intorno a noi avremo il vuoto, perché i giovani d’oggi so’ scetate e nun so’ fessi!”.

Parole profonde, ricche di significato, quelle di Mario, che mi hanno fatto molto riflettere e che nel giorno di San Catello, ho ritenuto opportuno condividere con tutti voi. Sarà stata la suggestione delle antiche rievocazioni o l’accorato pensiero, ora, nella giornata in cui la Chiesa ricorda il nostro Patrono, mi viene spontanea una preghiera: “Santu Catié’, sii caritatevole, guida il popolo di Stabia ed illumina il suo cammino, affinché non perda la ragione e l’amore per la nostra Città!”.

Buon San Catello a tutti e sempre forza Castellammare!!!

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.