Anno 1992 - il dott. Giovanni Celoro Parascandolo, don Reschigg e l'avv. Cannavale (foto gentilmente concessa dall'avv. Enzo Cannavale)

Le immagini della memoria

( della città di Castellammare di Stabia )

Nella rubrica “Le immagini della memoria”, esponiamo per il piacere di poterle rivivere (sia pur soltanto mentalmente), alcune vecchie immagini (inquadrature inedite, particolari interessanti e scorci suggestivi) della città di Castellammare di Stabia.

ultime immagini inserite:

Stabiesi - scampagnata anni '30

Stabiesi – scampagnata anni ’30

Anni ’30 – Scampagnata stabiese
(coll. privata)

* * *

Le Immagini della Memoria

Sezione “Le Scolaresche”

(Visualizza la galleria completa delle immagini della memoria)

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

4 pensieri su “Le immagini della memoria

  1. remigio

    Caro Ciro scusami se mi permetto, conoscevo gran parte delle “bambine” e non mi ridanno i conti.O e’ sbagliato l’anno oppure il numero ordinale della classe. Forse mi sbaglio io (l’eta’ e’ carogn’) ed invito tutti gli ex scolari di via Bracco ad intervenire e dare un loro contributo,se e’ possibile.

    Rispondi
  2. raffaele scala

    Caro Antonio Cimmino, come, forse, credo di aver già detto, anch’io sono nato a Scanzano, al primo piano di via Santa Caterina 17, oggi via Carmine Apuzzo), forse non lontano da dove sei nato tu e, mi pare di capire, negli stessi anni! A Scanzano, comunque, non ci sono rimasto molto visto che a tre anni sono andato via, per la precisione in via Prima Salita De Turris.

    Rispondi
  3. Ordercustomessay

    Le immagini sono prese da internet e hanno solo valore didascalico. E” pur vero, però, che le immagini sono state tratte da stampe antichissime e che quindi ciò che in origine poteva essere uguale, non è rimasto tale col passare dei secoli, esattamente come dice l”articolo stesso. In altri termini in un paese il costume potrebbe essere rimasto fedele all”originale, in un altro potrebbe essersi evoluto in tutt”altra direzione. Il gruppo folk che ogni paese ha, si arrangia come meglio può per rintracciare la foggia originale, ma è molto difficile che vi riesca perché si basa sulla memoria storica di persone viventi o su fotografie d”epoca che, volenti o nolenti, siamo costretti a considerare “moderni. order custom essay

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.