Antonio Mosca

Il Sovrintendente di Polizia Antonio Mosca (Orgoglio Stabiese)

Il Comune di Castellammare di Stabia, in seguito ad una petizione popolare (con cui sono state raccolte più di 400 firme promossa dalla famiglia e dall’ ispettore Franco Eresiarco), ha disposto che verrà posta in villa comunale, una targa in memoria del Sovrintendente di Polizia Antonio Mosca.

Manifesto della manifestazione

Manifesto della manifestazione

La cerimonia si terrà mercoledì 20 Marzo 2019. Il programma prevede alle ore 10.00 la celebrazione di una S. Messa in Cattedrale al termine della quale in corteo si andrà in villa comunale, dove all’altezza della “Fontana dei Tritoni”, avverrà lo scoprimento della targa.

Alla cerimonia sarà presente un picchetto d’onore della Polizia di Stato.

Ma chi era il sovrintendente Antonio Mosca?

Nato a Castellammare di Stabia il 20 Marzo 1948 (la cerimonia si terrà appunto in coincidenza del suo giorno di nascita), originario del quartiere “Cicerone”, entra in polizia molto giovane.

Morì il 29 luglio 1989, in conseguenza alle ferite subite in una sparatoria con i tre criminali fondatori della “Banda della Uno Bianca“, scontro a fuoco avvenuto il 3 ottobre 1987 sull’autostrada A14, all’altezza del casello di Cesena lasciando la moglie Gabriella sola con i due  figli  Veronica e Francesco.

La ricostruzione dell’episodio tratta da: “Baglioni e Costanza” di Marco Melega, Ed. Mandragora

“Da tempo il proprietario di una concessionaria di auto di Rimini stava subendo richieste estorsive. L’uomo denunciò il tutto alla Polizia di Rimini ed un gruppo di agenti del Commissariato, guidato dal sovrintendente Antonio Mosca, organizzò un servizio per catturare i malviventi. Secondo la telefonata degli estorsori l’auto dell’imprenditore avrebbe dovuto percorrere l’autostrada A14, fermandosi ad ogni cavalcavia e quando avrebbe visto penzolare una corda vi avrebbe dovuto legare una valigetta contenente cinquanta milioni di lire. Gli agenti, a bordo della Fiat Panda dell’imprenditore e di una Alfa 33, giunti sotto il cavalcavia vennero però accolti con decine di colpi di fucile a pompa esplosi dai banditi appostati sul cavalcavia e nel fossato costeggiante l’autostrada. Mosca ed altri due agenti rimasero feriti gravemente mentre uno degli agenti rimasto illeso rispose al fuoco trapassando il giubbotto di uno dei banditi il quale però riuscì a fuggire insieme ai complici. Il sovrintendente Antonio Mosca venne raggiunto da cinque pallettoni nel torace ed uno alla testa. Iniziò per lui un lento calvario ospedaliero (nel corso del quale gli vennero asportati due lobi del polmone destro) che terminò solo il 29 Luglio 1989 con la sua morte”.

Il sovrintendente Antonio Mosca può essere quindi considerato la prima vittima della spietata “Banda della Uno Bianca” che dall’autunno del 1987 al 1994 ha compiuto 103 atti criminali uccidendo 24 persone e ferendone 102.

A Rimini gli è stato intitolato il locale Commissariato di Polizia.

Finalmente anche Castellammare lo ricorda. (meglio tardi che…)

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *