Leda

La Leda

a cura di Martina Cesarano

La Leda è un affresco proveniente dagli scavi archeologici di villa Arianna ritrovato nel 1759, da Karl Jakob Weber, a seguito delle esplorazioni archeologiche effettuate nella città di Stabiae per volontà dei Borbone.

Leda

Leda

L’affresco, risalente alla prima metà del I secolo, in epoca imperiale, è stato rinvenuto al centro di un cubicolo della villa (probabilmente una zona dedicata alle donne) in cui vengono raffigurate altre tre figure femminili: Flora, Medea e Diana (ognuna delle quali occupava un pannello diverso.

Le donne sono raffigurate su uno sfondo verde e blu, tema ricorrente nella pittura greco – romana. Leda è ritratta a seno nudo, con le vesti mosse al vento (che cerca di trattenere con una mano) e trattiene un cigno bianco con il braccio sinistro.

L’affresco, probabilmente trae ispirazione dai ritratti delle Menadi danzanti della villa di Cicerone a Pompei, venne poi staccato dalla sua collocazione originale e portato all’interno della collezione reale. Oggi è conservato al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

About 

Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in linguistica francese, all’Università degli Studi di Salerno. Appassionata di fotografia e lettura. Collabora con il sito di Libero Ricercatore per la traduzione di testi e saggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *