Rossore ai Cantieri foto di Giuseppe Zingone

Il prof. Franco Circiello

Il prof. Franco Circiello
lettera aperta di Maurizio Cuomo 

Avrei preferito che questa pagina non venisse mai scritta…, ma non posso assolutamente esimermi dal farlo, trovo che sia un atto doveroso!
Sono certo che la presente notizia, butterà nello sconforto molti dei nostri “affezionati visitatori”, anch’io sono ancora incredulo, ma mi tocca l’ingrato compito di comunicare che nella serata di ieri, sabato 10 ottobre 2009, mi è giunta la triste notizia della prematura scomparsa di un nostro caro amico, il prof. Franco Circiello.
Purtroppo, non ho avuto la fortuna di conoscerlo di persona, ma la spontanea collaborazione che ci ha gentilmente offerto in questi mesi e la fitta corrispondenza con lui intrattenuta (molta della quale inedita e confidenziale), mi lascia la certezza che il Professore, da buon “cittadino universale”, così soleva definirsi, era davvero una brava persona che amava intensamente e in modo verace la Vita, la Fratellanza e la nostra cara Castellammare.
Con profondo rammarico e la piena consapevolezza della validità collaborativa del nostro amico Franco Circiello, ed in segno di estremo saluto, trovo opportuno rimettere in questa pagina una sua breve poesia, un bellissimo componimento (uno dei tanti), che con missiva privata volle dedicare a me, al nostro comune amico Frank Avallone, e ai miei due figli Lorenzo e Stefano:

Rossore ai Cantieri foto di Giuseppe Zingone

Rossore ai Cantieri foto di Giuseppe Zingone

 

PENSIERE A VRIALE
( lontano ’62, Oceano Atlantico, lat. 41° N )

Nu guaglione p’‘a man’‘o padre
addummannava
e ‘o padre tanti cose le diceva.

Papà pecché sta ‘o sole ‘ncielo
e pecché luceno ‘e stelle
e cresceno ‘e sciure ‘nterra
je frutte ‘ncopp’‘all’arbere?

E ‘o mare, ‘o cielo, ‘a terra
‘o zuzullo, ‘e pisce e l’aucielle
comme so’ state fatte?

‘O padre, preciso, rispunneva
so cos’‘e Dio, figliu mio
tutto ha fatto Isse
e a tutto ce pens’Isse.

Chillu guaglione mò s’è fatto gruosse
e va pe mare sulagne sott’‘e stelle
‘nchiuso int’‘o fierre ‘e sta nave
ca ‘o sbatte attuorno notte e juorno
mieze a tanti pisce, aucielle e cose ‘e Dio.

E mentre ‘ncopp’‘o mare ‘ngrifato
‘a nave rolla comme ‘na bagnarola
nu pensiero a vriale dint’‘o core
roseca e spertosa comme ‘o pappece
e ‘o guaglione s’arricorda ‘e chillu juorno
quanne p’‘a man’‘o padre, piccerillo,
se scurdaje ‘e addummannà:
“Papà dimme ‘na cosa,
so cos’‘e Dio pur’io comme ‘a sti pisce?”

Ciao Franco, grazie di tutto… spero che questa mio omaggio “editoriale” ancora una volta ti sia piaciuto. Fai un buon viaggio… resterai nel mio cuore. Maurizio

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *