Pozzano, tutti in spiaggia per un tuffo tra i rifiuti e il degrado

Castellammare di Stabia, 22 giugno 2011, la spiaggia libera di Pozzano, uno dei pochi lidi pubblici rimasti in città, è letteralmente sommersa di rifiuti e di bagnanti.

Un mare di "monnezza"

Un mare di “monnezza”

Il sole lambisce i ciottoli e la sabbia di Pozzano fin dal primo mattino, l’orologio non segna ancora le 7.00 che iniziano ad arrivare i bagnanti. I primi a scendere la ripida scalinata d’accesso sono gli anziani e gli sportivi, che d’abitudine si svegliano all’alba; poi le famiglie i papà, le mamme e i bambini attrezzati con palette, secchielli, sdraio, ombrelloni e vettovaglie; infine le giovani coppie e le comitive di ragazzi con radioline, carte napoletane, panini e tanta allegria. Pozzano è un lido pubblico e accedervi non costa nulla in termini di denaro. Si paga troppo, invece, in termini di dignità e salute. La spiaggia infatti, nonostante l’amenità naturale, è letteralmente ridotta ad una discarica a cielo aperto dove mancano i minimi requisiti per considerarla degna di un paese civile. Allertati dalle segnalazioni arrivate in redazione noi de “il Gazzettino Vesuviano” proviamo a dar voce ai bagnanti di Pozzano, stanchi di essere trattati come cittadini di “serie B” solo perché usufruiscono di un bene pubblico. “Manca tutto – si sfoga il sig. Giovanni, 74 anni – questa è la peggiore estate che io ricordi. Gli scorsi anni c’erano dei ragazzi che provvedevano alla pulizia, raccoglievano i rifiuti e con una carrucola li portavano nei cassonetti posti sulla Statale Sorrentina, gli stessi ragazzi provvedevano a fittare sdraio ed ombrelloni a chi ne faceva richiesta. Probabilmente esercitavano questo lavoro abusivamente ma offrivano un servizio che la pubblica amministrazione non è stata capace di garantirci”. “Noi anziani – interviene il sig. Mario, 65 anni – che da anni frequentiamo Pozzano cerchiamo di ripulire la spiaggia ammucchiando i rifiuti al muraglione, ma questo non basta perché nessuno provvede poi a portarli via, e la cosa grave è che ci sono persone che appiccano il fuoco all’immondizia pensando di risolvere il problema”. “Se potessi permettermelo pagherei per portare i miei figli ad un lido privato – ci confida Maria, 35 anni madre di 3 bimbi – mio marito purtroppo è tra gli operai dell’indotto Fincantieri e a stento possiamo permetterci gli spiccioli da dare al parcheggiatore abusivo”. “La cosa più squallida, oltre ai rifiuti – rivelano Sandro e Michela, fidanzati – è la mancanza dei servizi igienici, è impensabile che un luogo pubblico così affollato non abbia un bagno. Ed è schifoso dover sentire la puzza di urina e feci di chi fa i propri bisogni lungo le scale d’accesso alla spiaggia”. Dello stesso parere Maurizio 20 anni, che oltre a non sopportare più questo schifo, vorrebbe sapere dove vanno a fare il bagno il Sindaco di Castellammare e il resto dell’amministrazione comunale, “se i signori della politica portassero i figli a fare il bagno a Pozzano non credo che riuscirebbero a dormire tranquilli la notte”. “Ci sentiamo umiliati – conclude Roberta 25 anni studentessa universitaria – perché la discriminazione sociale è una brutta cosa. Il divario tra la nostra spiaggia pubblica e le adiacenti spiagge a pagamento è troppo marcato. Chi può permettersi di pagare gli esosi biglietti d’ingresso ha diritto a tutto, chi non può permettersi questo lusso non ha diritto a niente, nemmeno alla propria dignità. Addirittura i gestori dei lidi privati, in barba ai divieti e ai regolamenti vigenti, hanno provveduto a sistemare delle recinzioni in ferro che separano i poveri, che fanno il bagno tra i rifiuti, dai ricchi. E dire che il mare e la sabbia di Pozzano sono gli stessi per noi e per loro”.

Ferdinando Fontanella
Twitter: @nandofnt

Un po’ di foto “promozionali”:

About 

Collaboratore di Redazione

Naturalista e giornalista pubblicista, è laureato in Scienze della Natura, con specializzazione in Divulgazione naturalistica e Museologia scientifica, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E' responsabile della pagina Twitter di LR.

1 pensiero su “Pozzano, tutti in spiaggia per un tuffo tra i rifiuti e il degrado

  1. Ciro

    le persone civili , come scendono in spiaggia con panini pasta al forno bibite e altro , non gli costerebbe niente nel risalire depositarla ai punti di raccolta , a parer mio la strafottenza è fa parte del loro dna . purtroppo e una cattiva abitudine non solo dei stabiesi Ciro Mascolo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.