Pillole di cultura: Antrasatte o all’intrasatte

a cura del prof. Luigi Casale

“Tutt’a un tratto, improvvisamente”. Questo dovrebbe essere il valore dell’espressione. Nel nostro linguaggio napoletano.
Anche questa espressione è importata dalla lingua francese. (Sempre che la mia ipotesi sia giusta, naturalmente).
La parola francese è “entracte” (leggi: antract) = intervallo tra due atti teatrali, interruzione, pausa.
Per una certa affinità situazionale da noi è passato a indicare, “a sorpresa” (perché il fatto che succede all’intrasatte, si inserisce di forza e inaspettatamente nel tempo dell’azione, quasi a modificare la continuità del divenire.
All’intrasàtte, appunto!

About 

Collaboratore
Classe 1943, è un insegnante di liceo in pensione, cura la rubrica "pillole di cultura" e partecipa volentieri alla produzione di "storie minime". Inoltre è presente sotto le voci: detti, motti e tradizioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *