Antica statua dell'Immacolata Concezione (chiesa di San Giacomo Maggiore)

Maggio, un anno a Castellammare

di Giuseppe Zingone

Maggio, un anno a Castellammare

Maggio sotto ‘o cielo ‘e sera, nuvole janche
‘e stelle luccicarelle, corrono p’‘o mare;
Attenne scurnosa ‘a luna, tenennese ‘a luntano,
l’ammore mieza via d’è l’urdeme nammurate.
Maggio me s’appresenta comme nu ciardino
chino d’arbere d’arance, limune e mandarine,
n’angolo ‘e Paravise addò chiù lieto m’arriposo
luntano dall’affanne, de pensieri, a tutte ‘e cose.
‘O cante doce de l’aucielle, assieme addore ‘e mare,
nsieme ‘e nuvole me fanno viaggià luntano assaje.
Nu ruseto, chino ‘e spine dice: -A vita è na fatica!-,
ma ‘o prufummo che ne vene è na femmena, n’amica.
‘O sole ‘e juorno fa cumpagnia e m’accarezza ‘nfaccia
chiuro l’uocchie, penso a mamma mia ca me teneva ‘mbraccio.
‘O male oscuro ‘e oggi, è a fretta ‘e havè tutte cose
e nun se penza quanna fatica pe fa crescere nà rosa.
Dint’ ‘a n’angulillo na Maronna bruna tene mente;
sulo ‘a mamma ‘e tutte ‘e mamme capisce ‘e sentimente.
Maggio è ‘o mese suojo, rose, cirase, fraole le fanno arredo
e senza mamma, ‘ncoppo ‘o munno, ogn’ommo è n’incompreso.

Maggio, un anno a Castellammare: l'Immacolata della Chiesa di San Giacomo

Maggio, un anno a Castellammare: l’Immacolata della Chiesa di San Giacomo

Ladispoli, lì 1 maggio 2011

About 

Collaboratore di Redazione
Insegna a Roma, vive a Ladispoli, nutre molti interessi, come: la storia religiosa, l'arte, la fotografia e l'amore per la sua Castellammare di Stabia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *