Luigi Denza

Luigi Denza

Luigi Denza

di Giuseppe Zingone

Pubblicato nel 2009

“Al Signor Luigi Nocera,
per il suo smisurato amore dell’Opera e della musica Classica,
ma soprattutto della VITA”.

Luigi Denza, ritratto

Luigi Denza, ritratto

All’incirca due anni fa, nel periodo delle festività pasquali (che sono solito trascorrere con i miei a Castellammare), decisi di rubare un po’ di sonno al mio dormire per recarmi in giro a curiosare, proprio quando tutti dormono e la città è quieta e tranquilla, pacifica, dormiente, come una splendida donna sdraiata su un divano. Il compito dell’innamorato allora è quello di osservare e ritenere nella mente questi magici momenti, che il turchino chiarore della giornata che inizia, rende ancestrali e le ombre che ancora l’ammantano, restituiscono questa Città all’unisono, malinconica e indicibilmente affascinante.Per fare questo, porto sempre con me la mia fotocamera, e raccolgo sulla sua memoria fatta di un piccolo e potente circuito integrato, queste immagini, che poi spero non si cancellino mai.Qualcuno penserà che a confronto i due pensieri sopracitati sono irrimediabilmente opposti, l’uno caldo e mite, l’altro freddo e quasi meccanico, e soprattutto qualcuno si chiederà cosa tutto questo abbia a che fare con il noto compositore figlio di Stabia. Attraversando quello che sulle guide storiche di Castellammare è noto come viale delle celebrità, mi accorsi che qualcuno, a cui la storia della nostra amata città non sta a cuore, aveva volutamente ridicolizzato il celebre compositore Luigi Denza. Infatti qualche buontempone aveva posto sulle labbra del musicista una chewingum e poi vi aveva inserito una sigaretta. Senza pensarci su due volte, chiesi a dei netturbini uno dei loro strumenti di lavoro e subito asportai quell’indecente spettacolo. Non è questo il luogo per polemizzare, chiedo solo rispetto per la memoria storica di un UOMO che ha portato in Europa la propria Città, prima che gli stati potessero addirittura formulare un pensiero simile che si è concretizzato solo di recente e forse anche con qualche perplessità. Gli anni in cui vive Denza (Castellammare di Stabia, 23 febbraio 1846 – Londra, 27 gennaio 1922) sono pieni di ottimismo verso il progresso, la pace, molte malattie ed epidemie erano state debellate, la mortalità infantile viene drasticamente ridotta. Questo intervallo storico è noto come BELLE ÉPOQUE,1 e di intervallo si tratta all’incirca 40 anni, ma l’Europa era in pieno fermento, tante le novità; si pensi all’Impressionismo, alla fotografia, alla nascita del cinema, alla costruzione di opere monumentali, il Titanic, la torre Eiffel, all’Art-Nouveau, destinata a diventare quello stile liberty, tanto amato anche in Italia. È vero che la propulsione maggiore si ebbe in Francia, ma a macchia d’olio questa rivoluzione socio-culturale si diffuse anche da noi, in questo clima Romantico e Positivo vive Luigi Denza e compone le sue opere, la bellezza di questo periodo storico fu interrotta dal primo conflitto mondiale. L’immagine di Denza è indissolubilmente associata alla sua Funiculì Funiculà, la quale fu composta per celebrare l’inaugurazione della funicolare del Vesuvio del 1880, sicuramente la sua opera più nota, ma anche la più singolare e diciamolo pure orecchiabile dal punto di vista musicale e forse non tra le più belle composte dall’autore, in ogni caso una tra le canzoni più note nel mondo intero.

Funicolare per il Vesuvio

Funicolare per il Vesuvio

Decine sono le opere del compositore Luigi Denza, che divenne professore di canto nello stesso Conservatorio di Napoli dove aveva compiuto gli studi; quindi, nel 1879 si spostò a Londra, dove fu condirettore della London Academy of Music fino al 1898, successivamente  fu professore di canto alla Royal Academy of Music, cattedra che tenne sino alla morte nel 1922, dopo una brillante carriera che lo vide protagonista del suo tempo con collaborazioni musicali che abbracciavano il globo intero. È per questo che voglio dare visibilità ad alcune sue composizioni attraverso le copertine di alcuni spartiti in mio possesso:

A seguire darò anche voce ad alcune interpretazioni delle sue canzoni, celebrate dai massimi esponenti della musica classica mondiale. Al fine di ampliare la seguente raccolta, siete tutti invitati ad inviare i brani in vostro possesso, eventualmente non ancora presenti in elenco. E’ particolarmente gradito il vostro eventuale contributo. Buon ascolto!

Luigi Denza, Firma

Luigi Denza, Firma

Funiculì Funiculà, Andrea Bocelli

Funiculì, Funiculà, orchestrata da “The Mount Prospect Band”

Non t’amo più, Enrico Caruso

Occhi di fata, Luciano Pavarotti

Occhi turchini, Jonatan Yones

Porquoi tardez vous, Giuseppe Anselmi

Se, Renata Tebaldi

Si vous l’aviez compris, Giuseppe di Stefano

Tu, Andrea Bambace pianoforte e Cristina Pastorello soprano

Torna!, Oscar Kamionsky

Vieni! Vieni all’anima mia, Aureliano Pertile

Had You but Know, Igor Gorin

J’ai peur de l’aimer, Joan Sutherland

 Luna fedel, tenore Giovanni Bresciani, pianoforte Andrea Musso

Concludo con una curiosità, prontamente segnalataci dal dr. Angelo Del Gaudio: “Un po’ di tempo fa, una personalità politica italiana, in visita ufficiale in Russia, venne accolta con tutti gli onori del caso ( come richiesto formalmente in tali occasioni ), solo che per inno nazionale gli fu suonato Funiculì Funiculà del nostro Denza“.


Per ulteriori informazioni scrivere a: giuseppezingone@hotmail.com

 

  1. Leggi anche: Due Stabiesi e un Napoletano nella Parigi della Bella Époque, https://www.liberoricercatore.it/stabiesi-belle-epoque/

About 

Collaboratore di Redazione
Insegna a Roma, vive a Ladispoli, nutre molti interessi, come: la storia religiosa, l'arte, la fotografia e l'amore per la sua Castellammare di Stabia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.