Castellammare, Città delle Acque?

( articolo di Maurizio Cuomo )

Castellammare, città delle Acque (foto Remigio Russo)

Castellammare, città delle Acque (foto Remigio Russo)

Oggi, 22 marzo 2013, si celebra la “Giornata Mondiale delle Acque”. Come giusto che sia tutte le associazioni ambientaliste e tutti coloro che dimostrano sensibilità ed attenzione verso l’ambiente, ricordano quanto sia importante e fondamentale questo elemento per la vita.

Castellammare di Stabia, detta “Città delle acque” per il suo straordinario patrimonio idrologico, vanta nel suo bacino idrico, la presenza di ben 28 sorgenti di acque minerali differenti. La costante composizione fisico-chimica, che ha conferito ad ognuna di queste acque distinte proprietà terapeutiche e l’abbondante gittata delle fonti, consentono di eseguire cure idropiniche termali per svariati tipi di patologie.

Liberoricercatore.it da sempre attento e sensibile a tale problematica, commemora questa importante data a modo suo, e lo fa proponendo un brano (datato 1937) di un suo figlio illustre, Raffaele Viviani:

da: “Padroni di barche”

Sulo pe’ ll’acqua,
Castiellammare avarrì’ a tene’ furtuna!
Io fino a chest’età,
nun so’ trasuto maie dint’a na farmacia.

Qualunque disturbo,
trovo ll’acqua adatta;
e ‘o disturbo passa!

Embé a ggente va all’ati pparte,
e nun vene ccà!
E che ce vuò fa’?

Le nostre acque so’ comm’ a chelli signurine
ca nun ghiesceno ‘a dint’ ‘a casa;
o al massimo fanno dduie passe
‘a dummenica pe’ dint’ ‘a Villa, cu ll’uocchie ‘nterra.

E quanno so’ ‘e nnove già stanno dint’ ‘o lietto
e cu ‘a capa sott’ ‘e ccuperte.
Chi ‘e ccunosce? Chi nne parla? Nisciuno!

Ll’acqua ‘e ll’ati paise, invece,
so’ signurine evolute, attrezzate al commercio,
‘a comme se vestono a comme se presentano;
chiene d’etichetta.

Nun stanno ‘mbuttigliate:
appena se fanno cunoscere, se fanno sbuttiglià!
E, comme oggette ‘e lusso,
ogne surzo, sette e nuvantacinque!

E ll’acque noste? Niente!
Eppure è ricchezza ca scorre!
Esce d”a terra benedetta
pe gghì a fernì pe’ tre quarte dint’ ‘e ffogne!

E’ quase nu sacrilegio! N’offesa a Ddio!
E comm’a ffiglio ‘e Castiellammare,
è na cosa ca nun ce pozzo penzà!
St’acqua mm’è ssanghe, mme coce!

 

Un nostro commento alla genialità di Viviani è superfluo e potrebbe risultare irriverente, faccio solo notare quanto risulti essere ancora attuale questo suo stupendo scritto, e spero vivamente che ci aiuti a riflettere… La nostra acqua è privatizzata, le fontane pubbliche sono abbandonate a se stesse e Castellammare, “Regina delle acque”, per antonomasia, oggi, tiene chiuse le porte di ben due strutture termali (con tutte le problematiche nesse e connesse), un allucinante paradosso, specchio della inettitudine e della miopia cronica, di chi ci ha amministrato in questi ultimi anni.

Maurizio Cuomo

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *