Pillole di cultura: Terremoto

a cura del prof. Luigi Casale

C’è poco da dire su “terremoto”, perché la sua etimologia è facile. Ma ci vuole il latino. Come in tante altre situazioni linguistiche e non. Ditelo ai giovani della scuola media che devono scegliere l’indirizzo scolastico per continuare il percorso di formazione umana!
La parola nasce dalla espressione “terrae motus” o “terrae motum” (meglio: accusativo; infatti la consonante finale “m” è stata la prima delle consonanti finali di parole ad essere oscurata nel corso del tempo; “a cadere”, come si dice). Ma c’è anche l’ablativo “terrae motu” che – naturalmente, cioè già per sua natura – non ha una consonante finale.
Allora, facilmente, si capisce la trasformazione di terrae-motu(m) in terremoto. Movimento della terra, moto della terra, scossa della terra. Si intende che motus è il sostantivo derivato dal verbo “moveo/movi/motum/movère” (muovere, agitare, scuotere). Quello che i greci chiamavano “seisma” (scuotimento, scossa): dal verbo “seio” (scuoto, agito, crollo).

L.C.

 

 

 

About 

Collaboratore
Classe 1943, è un insegnante di liceo in pensione, cura la rubrica "pillole di cultura" e partecipa volentieri alla produzione di "storie minime". Inoltre è presente sotto le voci: detti, motti e tradizioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *