La statua di San Ciro

Inno a San Ciro

( a cura del dott. Tullio Pesola )

Dal 1948  al 1954  la cura delle anime della Parrocchia dello Spirito Santo di Castellammare di Stabia (ben 7000, in quanto a quell’epoca “Santa Maria della Pace” era solo una Rettorìa e non si pensava ancora di assegnarle una circoscrizione ecclesiastica) fu affidata ad un Sacerdote nativo di Marcianise (CE), che si distinse ben presto per il carattere gioviale, per il suo impegno sociale e per il coraggio nell’affrontare situazioni ingiuste e difficili. Nulla di scritto su di lui ci è pervenuto, per cui bisogna solo affidarsi alle testimonianze orali tramandateci da chi l’ha conosciuto e frequentato.

Pellegrinaggio al Santuario di Pompei (anni '50)

Pellegrinaggio al Santuario di Pompei (anni ’50)

In questa rara immagine lo vediamo circondato da un folto gruppo di suoi filiani in pellegrinaggio al Santuario della Madonna del Rosario di Pompei in occasione dell’Anno Santo indetto da Papa Pio XII nel 1950. Possiamo facilmente individuarlo per la berretta, dalla quale non amava mai staccarsi, e per la statura che lo caratterizzava e che gli permette in questa foto di rendere visibile parte del suo volto.
Durante il governo della sua comunità parrocchiale va annoverato un evento particolare, limitato unicamente a quel periodo storico: aver portato in processione i simulacri di San Ciro e di Maria SS. della Misericordia.
Il suo nome, “Don Salvatore Barbato“, è rimasto, tra l’altro, legato ad una sua stupenda composizione musicale, un inno a San Ciro che egli scrisse e musicò.
Si tratta di una forma poetica che, associata al canto, si configura nella successione di invocazione e preghiera elevata a San Ciro.

La statua di San Ciro

La statua di San Ciro

Inno a San Ciro

                                                                                  I

                                      Dall’etra s’aderga, dal mare, dai monti
                                      quest’onda di suoni, di canti per te;
                                      le avìte canzoni dai vasti orizzonti,
                                      con ìnclita voce, risveglia la Fè. 

                                                          Torna, San Ciro! Al popolo
                                                          dona d’amore i fremiti;
                                                          viva d’ardenti palpiti
                                                          nei cor ridesta la virtù.

                                                                                  II

                                       Purezza celeste rifulse il pensiero,
                                       nell’ardua conquista dei cuori a Gesù,
                                       tormento divino nell’aspro sentiero
                                       la fiamma, che l’alme guidava lassù.

Torna…

                                                                                  III

                                       L’immensa tua prole, conquista al tuo trono,
                                       t’invoca patrono dei mali all’orror.
                                       Discenda una pioggia di grazia e perdono
                                       dall’almo sorriso la luce, il tesor

                                   Torna…

Inno a San Ciro (spartito)

Inno a San Ciro (spartito)

Con esso il Rev.do don Salvatore Barbato intese effettuare un componimento lirico di facile e sobria tessitura ritmica ma nel contempo anche di forma solenne, corrispondente al suo elevato contenuto, per esprimere coralmente preghiera o, meglio, comunicazione col Santo a cui è diretto.
Tale canto ha avuto negli anni una fortuna sempre crescente, fino a quando, cioè, la Parrocchia dello Spirito Santo è rimasta alle cure dei Frati minori. Con il passaggio del testimone a chi è subentrato ai Francescani e via di seguito, quest’inno è precipitato completamente nel dimenticatoio. Con questo gesto, quindi, è mia intenzione riproporlo a quanti non ne conservano se non uno sbiadito ricordo, ma soprattutto offrirlo a coloro che non l’hanno mai ascoltato, per far gustare loro la superba musicalità e particolarmente l’amore, che in esso si avverte e di cui si mostrò essere intessuto il ministero di quel Sacerdote di Marcianise: don Salvatore Barbato.

dott. Tullio Pesola

 

About 

Amante della diffusione nel tempo di memorie, notizie, testimonianze e costumi del passato della nostra Città, è autore di diverse riflessioni, frutto di assiduo impegno, di grande passione e di accurate indagini storiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.