Seminario (foto dott. Tullio Pesola)

I miei anni al Seminario

articolo del dott. Tullio Pesola

Credo che non vi sia persona che, con l’inizio di un nuovo anno scolastico, non ritorni col pensiero a quei momenti che hanno inevitabilmente segnato la propria vita tra libri, penne e calamai. Nel mio caso, poi, devo aggiungere che tali sensazioni si appropriano sistematicamente di me ogni qualvolta mi trovo a passare nei pressi della struttura che mi ha visto inizialmente scolaro e anni dopo mi ha anche permesso di vivere le mie prime, saltuarie esperienze in veste di docente. E ciò, dato che la scuola in argomento sorge in quello che una volta era considerato il centro di Castellammare e che tutti conosciamo come piazza Municipio, avviene quasi frequentemente, perché per un motivo o per un altro mi capita spesso di trovarmi in quei pressi.

Seminario (foto dott. Tullio Pesola)

Seminario (foto dott. Tullio Pesola)

Il mio approccio con l’ex Seminario, edificio che un tempo era stato un istituto ecclesiastico dove i giovani aspiranti al sacerdozio ricevevano la formazione spirituale e culturale necessaria al sacro ministero, è avvenuto dopo aver superato gli esami di idoneità alla classe terza, esami per i quali ero stato seguito con grande diligenza e meticolosità (come, d’altronde, già l’anno precedente con il percorso in merito all’anticipo scolastico) dalle signorine Petretta e che sostenni presso la “Basilio Cecchi”. Inutile aggiungere che per i miei, in prospettiva del mio passaggio alla Scuola Pubblica, era molto importante affidarmi ad un educatore serio, esigente e poco incline alle indulgenze e che si prendesse, inoltre, responsabilmente cura della formazione dei suoi alunni. Tra quelli che sarebbero stati gli insegnanti di terza classe quell’anno, il più richiesto (senza, ovviamente, togliere merito agli altri) risultò essere il professore Continua a leggere…

About 

Amante della diffusione nel tempo di memorie, notizie, testimonianze e costumi del passato della nostra Città, è autore di diverse riflessioni, frutto di assiduo impegno, di grande passione e di accurate indagini storiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *