Paese mio… hê perduto ‘a dignità

Paese mio… hê perduto ‘a dignità

di Francesco Palmieri da “Penziere d’ammore”

San Catello al Tramonto (foto di E. Cesarano)

Io tengo n’ amarezza dint’ ‘o core

quanno ca penzo a tte, paese mio,

comm’ ire bello… E sulo nu gulίo

me ‘nzerra ‘o pietto mo, ca pe’ tte more.

 

T’ hanno distrutto ggente ‘e malaffare

c’ hanno penzato sulo‘e fatte lloro:

canzirre senza ammore  né decoro

ca  nun so’ degne ‘e te, Castiellammare!

 

Castiellammare  mia, paese amato,

vi’, t’hanno scamazzato sta marina.

Tu, ch’ ire ‘a perla d’ ‘e città, ‘a riggina,

parla, facce capì chi t’ ha smussiato.

 

‘A colpa? ‘O ssaccio, nun è certa ‘a toia!

Valla a truvà int’ ‘a sacca d’ ‘e rignante

c’ hanno sciusciato peggio d’ ‘e brigante

tutte ‘e ccose cchiù care: onore e gioia.

 

“Tu stive meglio quanno stive peggio”

fa ‘o ditto antico, ca nun sbaglia maje.

Ogge se parla ‘e te sulo p’ ‘e guaie,

no cchiù pe’ decantà  valure e pregge.

 

E  pregge  ne tenive, ‘e naturale:

ll’ aria ‘a cchiù fina, nu tramonto a mmare,

e  po’ ‘a ricchezza ‘e ll’ acqua minerale

chiammavano ‘e  signure  a centenare;

 

e guardanno ‘ncantate  sti  tesore

sunnavano  nu quatro o na canzone.

Sotto a stu cielo, cavero ‘e passione,

nasceva un sommo artista o nu scrittore.

 

Se scetassero sulo nu mumento

Denza, Bonito, Esposito, ‘on Rafele

Viviani,  cu ll’anema dint’ ‘o ffele

dicessero cu bbile ‘e sentimento:

 

Ma che n’avite fatto ‘e sta città?!

Addό sta  tutto chello ch’ ammo fatto?!

Me pare na buscia chistu ritratto!

Avite perzo ‘a scienza e ‘a dignità!

 

Chi non ha senso civico e onestà

è  figlio ca nu tene ammore ‘e niente:

nun  è  scugnizzo, è sulo delinquente,

è ‘a peggia  feccia ‘e chesta umanità!”

 

E io sonno e te vedè comme  a na vota,

Castiellammare  mia,  paese caro,

quanno criaturo,  allero,  pazziavo

c’ ‘o strummo’, a “mazza e pivezo”, c’ ‘a rota.

 

Me voglio arricurdà  comm’ ire  bella

cu ‘a reggia ‘ncopp’ ‘o bosco ‘e Quisisana,

‘e  terme antiche, ‘o cantiere navale…

e io cu nenna dint’ ‘a carruzzella,

 

abbracciate, giravamo ‘a città.

Pe’  dint’ ‘a ll’aria? Suspirava ammore

d’ ‘a brava ggente, chella overo ‘e core,

e maje nu sgarro, maje na ‘nfamità.

 

E sempe aunite avimmo superato          

‘a guerra, ‘a famma, ‘o terramoto, ‘a cennere;

e si mancava ‘o sordo ‘a putè  spènnere …

na gara a ce aiutà,  ll’ uno cu ll’ato.

Mo vide sulo na sbafantaria:

ognuno  se  pretenne,  spenne  e  spanne;

e chi mo se ne scenne ‘a dinto ‘e  panne

nun  mmereta  crianza,  arrassusia!

 

Ogge,  paese mio, te scamazzammo

comme  a  nu scarrafone  dint’ ‘o scuro;

‘e tutte sti bellizze, a ‘ngristo e annuro,

n’avimmo fatto zoza, e ce vantammo.

 

‘A  vita  nosta  è  ogge  na  scummessa.

Matina  e  ssera può truvà nu ‘mpuosto:

minacce, curtellate e, si si’ ttuosto,

te ‘nfossa ‘o schiattamuorto  doppo ‘a messa.

 

‘O  bbene  mo ched’è?  Sulo’nteresse!

‘A  vista  nun  appassa  nu  ziracchio.

Se  stenne ‘a mano  pe’  fa’  nu  pernacchio

e  no na carità: chesta  è  d’ ‘e fesse.

 

E  ll’onestà? Pare na voce antica,

asciuta ‘e cunto, ca nun sona cchiù!

Ogge  s’arraffa  sempe ‘o cchiù d’ ‘o cchiù

pe’  fa’ ‘o brillante o se tenè n’amica.

 

E allora ‘a dignità? Nu votafaccia!

‘E principie murale? Nu deritto!

‘A cuscienza? È chello ca nn’ hê ditto!

‘A verità? È sempe na minaccia!

 

Chi  tene ‘o punio ‘e  fierro have  raggione:

‘a  forza mo cummanna! ‘A legge è ‘nfama!

A  chi  prutegge?  A  chi  mo  tene ‘a “grana”,

a  chi  sape  alluccà  sotto ‘o  purtone!

 

Io  nun  me trovo cchiù dinto a sta lozza,

paese bello mio, paese amato!

‘O core, è overo, nun s’è rassignato,

ma ‘mpietto abbrucia, spanteca e sennozza!

 

Io prego tutte ‘e juorne a San Catiello

ca ce mettesse overo ‘a mana  santa,

e  araperesse ‘a mente a tutte quante,

o aizasse a punizione ‘o “bastunciello”.        

 

Scusame  tanto  sti  parole ‘e arraggia,

perdoname  Castiellammare  mia,

stu  sentimento  è  fforte, e i’ te vurria

turnà  a  vedé  comme ‘a  cchiù  bella  reggia…

 

Facimmelo  cchiù  bello  stu  Paese,

ca ‘o sole ‘o sblenne  comme  fosse ‘e oro.

Faciteme  sunnà  primma  ca  i’  moro,

faciteme  alluccà:  songo  stabiese!

 

 

 

 

Questo articolo è stato pubblicato in Articoli il da .

Informazioni su Corrado di Martino

Collaboratore di Redazione Autore di teatro e autore radiofonico; filmaker, narratore. E' laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Sociologia delle Comunicazioni. E' laureato in Comunicazione d'Impresa e Comunicazione Pubblica; con specializzazione in Comunicazione Politica. E' responsabile della sezione Video di LR.

1 pensiero su “Paese mio… hê perduto ‘a dignità

  1. antonio

    quello che le tv i giornali i politici d’opposizione devono dire è demandato alla poesia , arte che , personalmente, ritengo che debba esprimere emozioni e sentimenti che con la politica hanno nulla a che fare. parlare o scrivere, come lo sto facendo io, nel deserto della societa’ attuale, dove il traffico e lo spaccio di droga sono la sostanza del malessere, non puo’ essere utile . sia castellammare che l’intera nazione è nelle stesse condizioni . solo eventi drammatici riportano una societa’ cosi’ corrotta al vivere operoso e concreto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *