Archivi tag: Massimiliano Greco

Il Sergente motorista Giovanni Filosa

Premessa

Caro Maurizio, avrò ascoltato centinaia di volte le storie della mia famiglia, soprattutto materna, i ricordi drammatici delle due guerre, i sacrifici dei nonni per tirare su e far studiare 15 figli, le sofferenze patite per diversi lutti, ma anche tanti “fattarielli” divertenti non solo familiari, quei racconti sfiziosi su cose, persone e personaggi, quelle “storie minime” che tanto ci fanno sorridere quando le leggiamo e ci riportano indietro nel tempo.
I racconti partivano dalla fine dell’800, mio nonno materno era nato il 29 ottobre del 1878, e la fonte primaria, insieme a mia mamma, era zia Nora, la seconda sorella di mamma che viveva con noi, nata nel 1906.
Queste storie erano l’unico modo per farci conoscere i familiari che, anche per questioni anagrafiche, non avevamo vissuto per cui si ripetevano spesso e noi ragazzi, presi da tutt’altri interessi, ascoltavamo, sì, ma non è che prestassimo molta attenzione.
Oggi che vorrei tanto raccontarli e riascoltarli, soprattutto dalla voce di mia mamma, mi trovo difronte a vaghi ricordi, decine e decine di fotografie, lettere e documenti che conservo gelosamente, tessere di un puzzle che ahimè, non riuscirò mai a completare.
Con il senno del poi, e non senza rammarico, avrei potuto raccogliere le memorie di famiglia in un audio o video, operazione riuscita solo per la storia delle corone della Madonna del Carmine.
La vostra iniziativa di istituire “La banca della memoria”, quindi, è altamente meritoria perché ci consentirà di mantenere vivi i ricordi su fatti e persone di una Castellammare che non c’è più.
La storia che segue è parziale perché, quando cercai di approfondirla, mamma era purtroppo molto sofferente.
Per fortuna, i documenti che allego, a mio avviso, sono molto più interessanti delle mie parole.

Un abbraccio. Massimiliano

Il Sergente motorista Giovanni Filosa

di Massimiliano Greco

Il Sergente motorista Giovanni Filosa

Il Sergente motorista Giovanni Filosa

Giovanni Filosa nato a Castellammare di Stabia il 28 agosto del 1909 da Michele e Giovanna Liguori, era il quarto figlio, il primo maschio della coppia che in totale ebbe 15 figli. Continua a leggere

Massimiliano Greco

E’ risaputo che la sopportazione abbia un limite, e che può capitare a tutti (anche alle persone più pacate e tranquille) di sbottare, ne è prova questo componimento buttato lì di getto, nero su bianco, dal carissimo Massimiliano Greco, all’indomani dell’ennesima “sfiducia” data ad un sindaco stabiese.

Il componimento di Massimiliano, supponiamo, possa incarnare il pensiero di ogni qualsivoglia cittadino stabiese perbene. Sempre che la POLITICA esista ancora, sembra impossibile che la nostra Castellammare non riesca ad avere un’AMMINISTRAZIONE sana (di Destra, di Centro o di Sinistra) che possa governare con spirito civico e non per beceri interessi.

E come ben dice l’autore, questo ennesimo GESTO di sfiducia, a noi cittadini perbene ‘nce coce assaje!!!

‘A solita canzone
di Massimiliano Greco

E pure chistu Sinnaco è caruto, è stato ajere,
so’ tant’anne ca n’avimmo pace.
È colpa e ‘sti grandissime “signure”
penzano ‘e fatte lloro. E a nuje ‘nce coce,

pecchè se so’ magnate ‘a terra nosta!
Se so’ assettate, a tavula ‘mbandita,
mo vonno spuzzuliarse pure l’ossa.
Cullette janche e ‘a faccia d”e bandite. Continua a leggere

Cataloghi delle Mostre “Arte Presepiale”

a cura di Gaetano Fontana

Si avvicina il Santo Natale e come buona tradizione vuole, resiste ben salda e radicata la tradizione del presepe artigianale che ricorda in modo fattivo e suggestivo la Natività di Nostro Signore. In quasi tutti i comuni della Regione si organizzano eventi che richiamano il Natale, l’evento che due millenni or sono ha cambiato il destino dell’uomo.

Castellammare, città facente parte del comprensorio partenopeo, oltre all’esposizione parziale del “Monumentale Presepe del Duomo” costituito da pastori databili tra il XVII e i primi anni del XX secolo, anche quest’anno onorerà fattivamente l’arte presepiale con l’operato dell’ASAP (Associazione Stabiese dell’Arte e del Presepe), che con il suo saper fare (nonostante le innumerevoli avversità, mi si scusi la velata nota polemica, ma mi era d’obbligo), regalerà ai cittadini stabiesi, numerosi lavori presepiali e tante belle emozioni.

Vogliamo quindi promuovere l’attività della benemerita “ASAP”, che quest’anno rinnova l’iniziativa natalizia offrendo ai visitatori la possibilità di ammirare l’arte presepiale attraverso le opere, ideate e costruite dai suoi associati, un gruppo di professionisti del settore, a nostro avviso, tutti annoverabili a pieno titolo come maestri presepisti.


Informazioni sulla VII Mostra di Arte Presepiale

La Mostra, giunta alla sua settima edizione, è allestita presso il salone delle riunioni della Parrocchia Maria SS. del Carmine di Castellammare di Stabia (Na) e risulterà aperta al pubblico dal 17 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018 (da lunedì a venerdì: tutti i pomeriggi dalle 16,30 alle 21.00. Sabato e festivi dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 21,00).

Per maggiori informazioni: Presepe Stabia


I cataloghi dell’Associazione Stabiese dell’Arte e del Presepe:
Continua a leggere

La visita di un amico

nei ricordi di Massimiliano Greco

A destra il Presidente Francesco Paolo Bonifacio (foto archivio fam. Greco)

A destra il Presidente Francesco Paolo Bonifacio (foto archivio fam. Greco)

Nel corso di una delle mostre natalizie, venne a farci visita l’allora presidente della Corte Costituzionale Francesco Paolo Bonifacio, Stabiese DOC e politico di alta levatura morale.
Siamo nella seconda metà degli anni ’70, i cosiddetti anni di piombo.
Il rione Spiaggia dove abitavamo era tutto sommato tranquillo; nulla di eclatante a parte qualche litigio dovuto a qualche “capa scarfata” e le scorribande di una “chiorma ‘e fetienti” quali eravamo. Qualche personaggio un po’ naïf e tanta brava gente. Continua a leggere

Il Gesu’ morto e san Catello

Sapendo che amo tutto ciò che riguarda Castellammare, qualche giorno fa, il mio amico Massimiliano Greco, mi ha fatto dono di una litografia di fine Ottocento (prodotta dalla stamperia Apicella di Napoli, di San Biagio dei Librai).

La suddetta, rappresenta Gesù morto, che sale al cielo fra le braccia del Padre sorretto dallo Spirito Santo (la Santissima Trinità) e da due angioletti, ai cui piedi ci sono: a sinistra, la Madonna Addolorata e a destra San Catello.

La stampa (in origine monocromatica), incollata su un pezzo di compensato, appartenuta al padre di Massimiliano, il caro don Antonio Greco (famoso maestro presepista stabiese).

Una vecchia stampa e amici

Una vecchia stampa e amici

Purtroppo non conosco bene la storia di questa stampa e di come sia arrivata a noi. Parlandone con il mio amico, Umberto Cesino, gli chiesi: “Maestro, ma è possibile pitturarla? Lui di tutta risposta, mi disse: “Fammela visionare e poi valutiamo se è possibile un po’ di restauro”. Continua a leggere