Pasquale Finizio

Salve a tutti, mi chiamo Pasquale Finizio, sono nato nel 1977 e cresciuto nella nostra bella Castellammare di Stabia, ma a 20 anni mi sono arruolato nella Guardia di Finanza e per ragioni di lavoro ho dovuto abbandonare “mamma Stabia”. Mi piace scrivere poesie nel tempo libero, ne ho composte quasi 50 (di cui 2 dedicate alla mia città). Vorrei se possibile, veder pubblicata sul vostro lodevole sito, questa mia composizione scritta il 22 gennaio 2010, dopo essere tornato “a casa” per la festa di S. Catello.
Vi ringrazio in anticipo per il tempo concessomi e sono a vostra disposizione per qualsiasi informazione o iniziativa per il bene della nostra amata città. Buona giornata.

Castellammare

Stanotte m’aggio miso a te guardà

sotto ‘a luce chiara de stelle,

zitto zitto, senza fa rummore

pe nun te scetà ‘a nu suonno raro.

‘O volto tuojo è triste, stanco e addulurato

pe n’ata jurnata ‘e passione vissuta

e pure dint’‘o suonno t’addulure

pe chilli figli ca cchiù nun te rispettano.

Mo ca duorme e ‘o cuorpo tuoje s’arreposa

me pare ‘e te vedè cchiù bella ancora,

‘na signora senza età e senza tiempo

che ha fatto ‘nnammurà miliune ‘e gente.

Pe cuscino te si pigliata ‘na muntagna,

Faito, co ‘e sciure ‘e ll’alberi cchiù belli,

pe cuperta Dio nu golfo t’ha dato

e nu lenzulo fatto cu ll’onne ‘e mare.

Napule, Capri e Ischia te pigliassero pe’ amante

e guardannote ‘ncantati te vulesseno vasà,

ma tu Castellammare nun si a lloro, si già sposa

‘e chi comm a mme t’ha strignuto dint’‘o core.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.