Catello del Giudice

Vi segnalo questa poesia, precisando che non si tratta di una mia composizione. E’ talmente bella che tramite il Vs. sito, voglio farla conoscere a quante più persone possibile. Non conosco l’autore e spero di riuscire a conoscerlo tramite qualche lettore.

Pecché sulo a Natale?

‘O suono ‘e na zampogna, na smania ‘e vulè bbene,
n’albero chino ‘e luce, nu desiderio ‘e pace
se stenne ‘a mano pure a n’antico rivale
se sprecano l’augurie, è ggià, pecché è Natale.
Sarrà p’‘o clima ‘e festa che porta ‘a ricurrenza,
‘o core cagna veste ritrova na cuscienza.
‘Sta vita, pe’ nu juorno, diventa na livella
e ‘a ggente tutt’attuorno chisà, pare cchiù bella!
Pure n’ommo ‘nfamone carezza n’animale
nun fà cchiù ‘o fetentone le pare naturale.
‘O populo ‘e stu munno, arravugliato ‘e male,
diventa bbuono ‘nfunno… Pecché sulo a Natale?

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.