Massimiliano Greco

E’ risaputo che la sopportazione abbia un limite, e che può capitare a tutti (anche alle persone più pacate e tranquille) di sbottare, ne è prova questo componimento buttato lì di getto, nero su bianco, dal carissimo Massimiliano Greco, all’indomani dell’ennesima “sfiducia” data ad un sindaco stabiese.

Il componimento di Massimiliano, supponiamo, possa incarnare il pensiero di ogni qualsivoglia cittadino stabiese perbene. Sempre che la POLITICA esista ancora, sembra impossibile che la nostra Castellammare non riesca ad avere un’AMMINISTRAZIONE sana (di Destra, di Centro o di Sinistra) che possa governare con spirito civico e non per beceri interessi.

E come ben dice l’autore, questo ennesimo GESTO di sfiducia, a noi cittadini perbene ‘nce coce assaje!!!

‘A solita canzone
di Massimiliano Greco

E pure chistu Sinnaco è caruto, è stato ajere,
so’ tant’anne ca n’avimmo pace.
È colpa e ‘sti grandissime “signure”
penzano ‘e fatte lloro. E a nuje ‘nce coce,

pecchè se so’ magnate ‘a terra nosta!
Se so’ assettate, a tavula ‘mbandita,
mo vonno spuzzuliarse pure l’ossa.
Cullette janche e ‘a faccia d”e bandite.

C’è stato ‘o niro: dice che ha ‘mbrugliato.
E chillo ‘e doppo? Era ‘nu fetente…
e mo’ pure chistato nun va niente?
Mo’ ca se vota, ma che v’aspettate,

si ‘e candidate songo sempe ‘e stesse?
So’ quatto mangnapane ‘a tradimento
ca ‘nce ‘mpapocchiano cu’ ‘e solite prumesse,
pigliano sulo e nun fanno mai niente.

O vulimmo ca ‘o buffone, l’ommo ‘e niente,
vene ca ‘o Sud p’azzuppà ‘o biscotto?
Nun putimmo fa ‘a parte indifferente
pecchè sinò succede ‘o quarantotto!

È sulo colpa nosta! Chesto l’amma capì,
chesta vigliaccheria adda fernì!
E basta cu: “Je penzo primma a mè
‘e tutto ‘o riesto, ca tengo ‘a vedè!”

Stu modo nuosto ‘e fa, ‘sta debolezza,
fa forte a chi vò fa ‘o truffaldino.
C’abboffano ‘e parole ‘na bellezza
simme sobri, ma parimme fatti ‘a vino.

Ma quanno ‘nce scetammo ‘a chistu suonno,
e cagnammo finalmente sta canzone?
Nun serve ‘a guerra p’arrevutà ‘o munno
basta ca’ cagna ‘a capa d’‘e perzone!

‘O Pataterno ci ha benediciuto
tenimmo tutto ‘o meglio ca ‘nce stà.
Sfruttanno chesta ciorta c’ammo avuto
surtanno c”o turismo putessemo campà.

e ‘mmece: ‘e Terme so’ fallute,
Faito, ‘o mare, ‘e scavi… e che parlammo?
E po’ ‘nce sta’ ‘o cantiere. Ma ê vedite
tutte ‘sti purcarie ca suppurtammo?

Penzammo ‘e figlie nuosti, a ‘sti guagliune
nun ‘nce lassammo chesta eredità.
All’ati parte, farriano ‘e miliune,
cu tutto ‘o bello ca tenimme ccà!

Castiellammare, bella e dannata,
è colpa nosta se staje accussì ‘nguaiata.
Ma po’ quanno ‘o tramonto se specchia dint”o mare,
‘na lacremella scenne. È bella Castiellammare!

About 

Appassionato di tradizioni e cultura stabiana, nonché profondo conoscitore di arte presepiale, è fondatore e presidente dell'A.S.A.P. (Associazione Stabiese dell'Arte e del Presepe).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.