Cantilene e filastrocche…

… nella tradizione stabiese

( rubrica a cura di Maurizio Cuomo )

“Cantilene e filastrocche, sono ricche di ritmo, rime ed assonanze, e proprio il non-senso è il loro pregio. Giocano sull’immediatezza, e sulla festosità del ridere. Quando si è perduto il contatto con la fonte letteraria (perché c’è sempre un “autore individuo”, anche se anonimo), a tutte queste stroppole (frottole), è difficile dare un senso logico, proprio perché negli anni la loro originalità, quasi sempre, finisce per essere contaminata con l’uso di un linguaggio moderno ( prof. Luigi Casale )”.

Cantilene e filastrocche

Cantilene e filastrocche

Interamente dedicata ai più piccoli e alle future generazioni stabiesi, questa rubrica annovera alcune tra le più antiche cantilene ancora in uso nella città di Castellammare di Stabia.

Ultima filastrocca inserita:

Truone e lampe
Truone e lampe fatte a rasse,
Chesta è ‘a casa ‘e Santo Asse.
Santo Asse e Santo Simeone,
chest è ‘a casa ‘e nostro Signore!
Nostro Signore steve a lu campo,
N’aveva paura nì ‘e truone nì ‘e lampe.

12/12/2015: Mia mamma la recitava ogni volta durante i temporali più violenti. Mi piacerebbe che non andasse perduta! Gianna.

‘a Farfallina rossa
m”e murzecato ‘o musso
‘nu poco ‘e vino russo
m”a fatto ‘mbriacà
mannaggia ‘a ccà
mannaggia ‘a llà
mannaggia ‘a pettula
‘e mammà.

19/10/2008: Sono Giovanni Raiano, vi scrivo da Napoli (piazza Carlo III),
ho poco meno di quarant’anni, e penso che “ ‘a Farfallina rossa”, risalga almeno a mia nonna (1918), non so se serve, ma c’è anche un seguito:

…’Nu vaso a pizzichillo,
‘na rosa dint”e capille
guagliò’ che guarde a ffà,
je ‘a mossa ‘a saccio fà.


Arraggiati canaglia 
che dimane vai a ‘o serraglio
e ti mangi pane e limone,
comme s’arraggia chisto guaglione.

“Caro Maurizio, oggi mi è venuta in mente questa filastrocca che ho imparato da ragazzo quando vivevo a Scanzano”. Antonio Cimmino”.


Arri, arri, cavalluccio! 
Arri, arri, cavalluccio!
Curre cumpare ch’è muorto ‘o ciuccio;
è muorto int’‘o pagliaro,
curre cumpare cu ‘a mazza ‘mmana;
è muorto int’‘o pagliariello,
curre cumpare cu ‘o mazzariello.

“Nei ricordi del prof. Luigi Casale”.


Bac, bac ‘o calamare,
Giesù Cristo ‘a mmiezo ’o mare,
‘a Maronna ‘a lu puntone
che spanneva ‘e ffasciatore,
Saveratore scupava la casa:
” Mamma, mamma, voglio ‘o ppane! ”
– Figliu mio, nun ce nn’è,
e mmo vene San Giuseppe,
e te porta ‘o panariello
e tt’o regna ‘e cunfettielli.


Carnevale serunto serunto*,
quann’è Pasca facimm”e cunte.
Eh, gioia! Mo’ muori.
Si sapevo ca tu murivi,
t’accerevo ‘na bella gallina,
Eh, gioia! Mo’ muori.

 * Serunto = Unto
“Ti invio questo spezzone di filastrocca (un rudere) ricordo della mia infanzia. Lo cantava la mamma per l’ultimo di carnevale. Non so se facesse parte di un canto più lungo (perché di un canto si tratta!), o fosse un intercalare di una cantica, elemento di qualche sceneggiata contadina. Luigi”.

Caruso, melluso,
miett”a capa ‘int”o pertuso,
ca po’ vene ‘o scarrafone
e te roseca ‘o mellone.


Ch’è succieso a Uttaiano
‘nu monaco s’é vasata ‘a ‘na guagliona.
Cu ‘a scusa che la cunfessava,
‘a pietto le tiraie ‘o spingulone.

Su gentile segnalazione del dott. Antonio Cimmino.

Chiove e jesce ‘o sole,
tutt’’e vecchie fann’ammore,
fann’ammore dint’’o tiano,
tutt’’e vecchie ruffiane.


Cicci Bacco ‘ncopp”a votta
chi ‘o tira e chi ‘o votte
chi ‘o votta ‘int”a cantina
Cicci Bacco beve ‘o vino.

( si veda anche la cantilena dal titolo: “Pare Ciccio ‘ncopp”a votta” )

Ciccio Cicciotto
‘a carne s’é cotta
‘o curtiello nun taglia
e Ciccio ‘o battaglia.

Su gentile segnalazione del dott. Antonio Cimmino.

Comm’è bello stu Criaturo
va cuglienno rose e sciure,
chi ne coglie ‘nu panariello
e chi ne coglie ‘nu canestriello.
E purtamme ‘o bammeniello.
‘O bammeniello se scetaie
e vuleva ‘nu poco ‘e pane,
dicetta a mamma ‘nun ‘nce n’è
e va vire dinto ‘o canestriello
là ‘nce truove e passetielli.
Gesù Cristo nun ‘nce truvaie,
a Madonna s’addunicchiaie,
addunicchiammoce tutte quante,
ca mo venene li Re magi
cu zampogne e armonia
jammo cantanno l’Ave Maria.


Coscia picoscia
tiene ‘e cosce mosce mosce
e sotto ‘o mantesino
‘nce sta’ ‘o scuogliero ‘e Margellina.

( si veda anche la cantilena dal titolo: “Storta, picoscia” )

Dimane è festa,
magnammece ‘a menesta,
‘a menesta nun è cotta
e magnammece ‘a ricotta.
‘A ricotta nun è fresca
e magnammece ‘a ventresca,
‘a ventresca nun è fellata
e magnammece ‘a ‘nzalata.
‘A ‘nzalata è senza ll’uoglio
e chiammammo ‘o casadduoglio,
casadduoglio ‘e gghiuto ‘a Messa
‘e cu’ quatto principesse,
‘e cu’ quatto cavallucce,
musso ‘e vacca e musso ‘e ciuccio.


Dimane è festa,
‘o sorice menesta,
‘a jatta porta ‘o vino
e ‘o sorice cucina.


Dopp’a tanti preghiere,
ca faciettemo a Santu Catiello,
nascette cu ‘e recchie ‘e ciuccio
e cu tant’‘e scartiello.
Uè, uè, uè,
chiste rideno ‘ncuollo ‘a mme!


E nonna nunnarella
‘o lupo è brutto
e ‘a pecurella è bella.
Pecurella mia
comme faciste a te fa mangià
a ‘stu lupo
che diciste?


E’ sunata ‘n’ora ‘e notte
e l’angiulillo p’‘a porta,
e Maria p’‘a casa;
‘o tristo jesce e ‘o buono trase
e Dio ‘nce guarda ‘o capo ‘e casa.


Harri! Harri!
Cavalluccio
e ghiammo
a Vuttaiano
accattà
‘nu bello ciuccio.
Harri! Harri!
Cavalluccio.


Jesce, jesce, corna,
ca mammeta te scorna;
te scorna ‘ncoppa all’asteco
e faje ‘e figlie mascule.


Luce venga venga
che nisciuno ti trattenga
si qualcuno ti trattenesse
pene ‘e ventre le venesse:
a isso ….. e a essa.

“Oggi diventa sempre più raro che nelle case manchi la luce elettrica durante le lunghe serate; e quando capita subito si accendono automaticamente le lampade di emergenza. Ma tanto tempo fa … quando mancava la luce, cosa che succedeva assai frequentemente, subito un adulto di casa sapeva dove trovare una candela e l’accendeva. Così si faceva luce nella stanza dove era raccolta la famiglia. Certe volte però per timore che i bambini potessero farsi male nel buio, specialmente se c’era il braciere acceso in giro o coltelli ed altri attrezzi pericolosi fuori posto, la mamma preferiva non allontanarsi facendoci cantare la filastrocca propiziatoria per il ritorno della corrente. Ed era efficacissima; perché, recitata tre o quattro volte questa formula, la luce ritornava veramente.
Prof. Luigi Casale”.

Marì, Marì, Marì
porta a bevere ‘e galline
‘e galline fanno ll’ove
‘e Maria ‘a mariola.

“Nei ricordi di Domenico Cuomo”.


Mazza e panelle
fanno ‘e figlie belle;
panelle senza mazza
fanno ‘e figlie pazze.


‘Mmocc”a me, ‘mmocc”a te,
‘mmocc”o figlio d”o rré:
‘o figlio d”o rré nun ne vo’ cchiù
e magnatello tutto tu.


Mo’ vene Natale
e renza e renza,
‘o putecaro te fa credenza,
‘o canteniere te mette ‘o vino,
facimme Natale
‘ngrazia ‘e Ddio.


Mo’ vene Natale,
nun tengo denaro,
me fummo ‘na pippa
e me vac”a cuccà.
Quanno è stanotte
ca sparano ‘e botte
me ‘nfilo ‘o cazone
e vaco a vedé’.


‘Nce steva ‘na vota
‘nu monaco ‘e voto,
jetto a Vico
e se mangiaie ‘e ffiche,
jetto a Massa
e se mangiaie ‘e passe,
jetto a Purtucariello
e se ‘nchiaccaie ‘o cazunciello,
jetto a mare
e so sciacquaie,
jetto ‘nterra
e s’asciuttaie,
jetto ‘a muorte
e s”o pigliaie.


‘Nce steva na vota
nu viecchio e na vecchia,
steveno ‘e casa areto a ‘nu specchio.
Na gallina zoppa zoppa,
quanne penne porta ‘ncoppa?
E ne porta vintiquattro:
uno, ddoje, tre e quatte.


‘Ndò, ‘ndò, ‘ndò,
dice ‘a Messa a Sant’antonio,
se ne addona ‘o parrucchiano,
jesce fora ruffiano!

“Di “tuocchi” ce ne sono tanti, ma questo in particolare lo ricordo da che ero bambino e faceva pressappoco così. Raffaele Galasso”.

Nicola Niculecchia
e tirame ‘sta recchia
e tirame ‘stu pere
Nicola cumme fete.


Nonna-nonna, nonna-nunnarella,
‘o lupo se magnaje ‘a pecurella…
tu, pecurella mia, comme faciste
quanno ‘mmocca a lu lupo te vediste?
Tu, pecurella mia, comme campaste
quanno ‘mmocca a lu lupo te truvaste?


Nonna nooooo, e nonna nunnarella
quanno Sant’Anna cantav’a Maria,
quanta belle canzune le diceva…
E le diceva: “Adduormete, Maria”,
Maria ch’era santa, s’addurmeva.
E le diceva: “Adduormete, Dunzella,
Tu si’ la mamma de li bbirgenelle”.
E le diceva: “Adduormete, Signora,
Tu si la mamma de lu Salvatore”.
E le diceva: “Adduormete, Regina,
Tu si la mamma de Giesù Bammino”.

“Complimenti, vorrei dare il mio piccolo contributo alla vostra bellissima rubrica, ricca di cultura popolare ma, soprattutto, di emozioni e nostalgia. Le filastrocche, i giochi, le ninne nanne, in quanto tramandate oralmente hanno subito, nel tempo, contaminazioni culturali e linguistiche. Si spiegano così le commistioni tra l’inizio di una strofa con il finale di un’altra filastrocca, ma poco importa, essendo destinate ai bambini, soprattutto a quelli di ieri.
Propongo quindi una ninna nanna che, doverosamente, inizia col classico “Nonna nooooo, e nonna nunnarella…”. Un saluto fino al prossimo contributo”. Massimo Paragallo”.


Papà, papà, papà
faje ‘e zeppule e nun me ne daje;
je stongo areta ‘a porta
e vàva vàva, ‘a capa ‘e morte!

( Questa breve nenia, nell’ultimo verso incomprensibile, la cantava sovente ai suoi figli, mia madre Anna Romano, siamo agli inizi degli anni ’50, e a noi bambini di quei tempi divertiva molto. Spero vivamente che sia nota anche a qualche altro stabiese mio coetaneo, perché sarei felice di comprenderne il significato, io sono nato nel 1944. Domenico Cuomo ).

Pare Ciccio ‘ncopp”a votta,
chi ‘o tira e chi ‘o votte…

( si veda anche la cantilena dal titolo: “Cicci Bacco ‘ncopp”a votta” )

Pasca Epifania
tutte ‘e feste porta via,
risponne Santu Catiello
‘nce stonghe pur’io
ca’ so’ vicchiariello.

Su segnalazione di Antonio Cimmino.

Peppe scuppetta,
‘o fucile e ‘a baiunetta
‘o cannone nun spara
e Peppe ‘o bbattaglia.

Su segnalazione del sig. Domenico Cuomo.

Peppe scuppetta,
‘o fucile e ‘a baiunetta
spara ‘o cannone
e Peppe ‘o maccarone.

Variante della precedente stroppola, segnalata dalla sig.ra Cecilia Capriglione.

Piripicchio e Piripacchio,
vanno ‘a scola e fanno ‘e ‘nguacchie,
se n’accorge ‘o pruvessore:
“Jesce fora mascalzone!”


Piso e pesillo,
maccarune a chi si figlio
e si figlio a Santu Martino
cu na’ fella ‘e mulignana,
saglie ‘ncielo cu ‘na scala,
scala e scalella
tira tira
‘o pere a tte!


Piso e pesillo,
maccarone ‘e chi si’ figlio?
E si’ figlio ‘o Rre,
Tira ‘o tappo a ret”a tte!


Piso pisillo,
maccarone a chi si’ figlio?
E si’ figlio ‘o Rre,
Tira ‘o tappo a ret”a tte!
‘Na gallina zoppa zoppa,
quanna penne porta ‘ncoppa?
E ne porta vintiquatte
uno, ddoje tre e quatte!

 Su gentile segnalazione del dott. Antonio Cimmino.

Pizzi, pizzi drangule,
la morte e li zandrangule,
zandrangule e pipì.
Sarracino faceva lu ppane,
tutt”e mosche s”o mangiaveno.
Parlerò, parlerò.
Chi è meglio esce fora,
esce fora ‘a lu ciardino,
pizzeche doce e tagliuline.
Fecate fritte e baccalà!

“Questa filastrocca me la cantava mia madre che, a sua volta,
l’aveva ascoltata da sua nonna. Non so cosa vuol dire, non conosco
il significato delle parole, più che una filastrocca mi
sembra una cantilena o, meglio ancora, una conta, credo che sia
antichissima, la nonna di mia madre era nata nel 1851 (Clara Renzo)”.

Pizzi, pizzi trangole,
la morte de Santrangole,
Santrangole e Pipine,
La morte ‘e Sarracine.
Sarracine faceva lu pane.
Tutte ‘e mosche s’ ‘o mangiavene.
Palla d’oro, palla d’ò,
Chi è meglio esce fore.
Esce fore al mio giardine,
Pizza doce ‘e tagliuline.

“Caro Maurizio, ho letto con piacere la filastrocca segnalata dalla gentile signora Clara Renzo e devo dirti che anche la mia nonna materna, Assunta Donnarumma, mi cantava e ci istruiva a fare il gioco infantile richiamato dalla suddetta cantilena (Enrico Discolo)”.

( si veda anche l’articolo “Cantilena stabiese” )


Prèreca, prericozza!
(Propaganda politica)

Prèreca, prericozza,
je prèrico quanto pòzzo;
quanno nun pozzo cchiù,
scengh’io e saglie tu.

“Stroppole di casa mia (prof. Luigi Casale)”.


Quanno è bello a ghji pe’ mare,
‘a Madonna ‘ncopp’‘a nave;
San Giuseppe a lu timone
e Gesù Cristo pe’ patrone;
l’angiulille pe’ marenare,
quanno è bello a ghji pe’ mare.


Quarajesema, secca secca
jeve vennenne ‘e ficusecche
ije le dicette: “Dammene una!”
chella me dette nu cavecio sulo,
ije le dicette: “Dammene anata!”
e chella me dette na zucculata.

“Mi farebbe piacere far conoscere questa filastrocca insegnatami da mio padre, che non è più, che faceva pressappoco così. Raffaele Galasso”.

Sansone
tene ‘e muscole ‘e cartone,
tene ‘e mmane ‘e marmellata,
e ‘e piere ‘e ciuculata.


Santa Barbara
Santa Barbara Benedetta
liberace d”e truone e d”e saette,
mandali a chelli parte oscure
addò nun ce sta nisciuna criatura

“E’ una filastrocca che diceva mia madre, quando mio fratello ed io
eravamo bambini e fuori c’era il temporale (ing. Antonio Fabbrocino)”.

Scugnato senza riente,
vasa ‘nculo a zì’ Vicienzo;
scugnato senza mole,
vasa ‘nculo a zì’ Nicola.


Scuola elementare di una volta
‘a Primma de’ ciucciarielli,
‘a Seconda ‘e ll’asinielli,
‘a Terza de’ studienti,
‘a Quarta e ‘a Quinta nun fanno niente!

Su gentile segnalazione di Antonio Cimmino.

Scuola elementare di una volta
‘A Primma de’ ciucciarielli,
‘a Seconda de’ paparelle
‘a Terza de’ sturienti,
‘a Quarta de’ fetienti
e ‘a Quinta, …nun vonno fa’ niente!

(così come la ricorda invece Maurizio Cuomo, il dott. Giuseppe Plaitano e il prof. Luigi Casale)

Scuola elementare di una volta
‘A Primma de’ ciucciarielli,
‘a Seconda de’ paparelle
‘a Terza de’ sturienti,
‘a Quarta de’ fetienti
‘a Quinta de’ puzzuliente

(a onor di cronaca, rimettiamo in pubblicazione, una terza versione prontamente segnalata dal prof. Bonuccio Gatti, che nella quinta strofa, reca per variante il termine “puzzuliente”, aggettivo che dà all’intera filastrocca una metrica più precisa e un crescendo sicuramente più verosimile).

Seca, seca
mastu Ciccio,
‘na panella e ‘nu saciccio,
‘o saciccio ‘nce ‘o mangiammo
e ‘a panella ‘nce astipamma,
‘nce astipammo
pe’ ll’anno che vene,
frisca l’anema ‘e Manuele.
Manuele vuò murì?
‘O tavuto t”o facc’io
e t”o faccio ‘e scorza ‘e noce,
Manué damme ‘na voce!


Seca, seca, mastu Cciccio,
‘na panella e ‘nu sasiccio
‘a panella c’a mangiammo
‘u sasiccio c’astipammo,
c’astipammo p’a sera è Natale,
quanno vènono ‘i zampognari.

Una variante della precedente stroppola, segnalata dal prof. Luigi Casale.

Selluzzo,
va a puzzo,
va a mmare
va adda cummara,
vide che te dice
e vienemelle a dicere.

“Caro Maurizio, questa cantilena (contro il singhiozzo da recitare tre volte “in un solo fiato”) me la cantava Nonna Assunta che, a sua volta l’aveva sentita recitare dalla sua nonna quando era ragazzina… (Enrico Discolo)”.

Storta, picoscia,
tien”e ccosce mosce mosce
e sott”o o suttanino
tien”o scoglio ‘e Margellina.

( si veda anche la cantilena dal titolo: “Coscia picoscia” )

‘U maccarone ‘e zito
(l’ingenuo)

‘U maccarone ‘e zito
se jett’a cunfessà.
E dicette ‘u cunfessore:
“Sale e pepe ‘u maccarone!

“Postato dal prof. Luigi Casale (17 ottobre 2010)”.

‘U spione ‘e pulizia
(lo spione)

‘U spione ‘e pulizia,
porta a lettera a zizia,
e zizia nun ce sta.
‘U spione se ne va.

“Postato dal prof. Luigi Casale (17 ottobre 2010)”.

Vava, vava, vava,
faie ‘e zeppole
e nun mme daje
je stongo areto ‘a porta
e vava vava ‘a capa ‘e morte.

“Faceva parte del ‘Cunto del cecere’ nella variante di mia madre, molto meno letteraria di quella da voi riportata (rif.: “Papà, papà, papà”). Cari saluti, prof. Italo Cinque – Motta di Livenza (TV)”.

Vicienzo ‘a caramella
(il tipo snob)

Vicienzo ‘a caramella,
quanno chiove port’u ‘mbrello.
Quanno chiove fino fino
port’u ‘mbrello e ‘u bastuncino

“Postato dal prof. Luigi Casale (17 ottobre 2010)”.

Vota, vota e munacelle.
Munacelle, venite ccà!
Che bella pazzìa vulimme fa,
fecate fritte e baccalà!

“I bambini si tenevano per mano e formavano il giro tondo. Essi, poi, cantando cantando giravano e giravano. All’ultima parola della filastrocca si accovacciano per terra tra mille risate e strilli di gioia” (Enrico Discolo).

 

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.