www.liberoricercatore.it

( Storia, cultura e tradizioni stabiesi )

Castellammare di Stabia > Tradizioni > Canzone de lo Capo d'Anno

@-mail

 

 

Canzone de lo Capo d'Anno

Per il piacere di conoscere e per meglio comprendere le tradizioni locali, proponiamo la "Canzone de lo Capo d'Anno", un'antica ballata tradizionale: il sacro e il profano che si fondono, narrato dai cantastorie popolani.

 

 

Coro d'introduzione (parlato)

Traduzione

 

La bona notte e buon principio d'anno

A tutti sti signuri in compagnia !

Simmo venuti e tornarrammo ogni anno

Per farve chill'aurie che sapimmo.

 

Spilateve lli rrecchie, apritece lu core

La casa, la dispensa e la cantina

Ca cheste so ghiurnate de cuntiente

Se magna e beve e non se pensa a niente

 

Buona notte e buon principio d'anno

a tutti questi signori in compagnia !

Siamo venuti e torneremo ogni anno

per farvi quegli auguri che sappiamo.

 

Sturatevi le orecchie, aprite il vostro cuore

la casa, la dispensa e la cantina

Che questi sono giorni di allegria

si mangia e beve e non si pensa a niente

 

Testo originale (cantato)

Testo tradotto

 

Aprimmo l'anno nuovo
Co tric-trac e botte
Passammo chesta notte
In allegria.

 
Nascette lu Messia
Avenne poveriello
No voje e n'aseniello
Pe vrasera.

 
Da tanne 'e sta manera
Passato s'ò sti juorne
Pe fa dispietto e scuorno
A farfariello.


Ca chillo marionciello
Nce avea tutte aggranfate
Ne ce avarria lassate
E nce arrosteva,


Si ntiempo non veneva
Da cielo lu Guaglione,
Ca p'essere sguazzone
Nce preggiaje.


Tutte da li guaje
Volette liberarce
Patenno e co lassarce
Purzi ‘a lu piello.


Ma nuje che scurdarielle
Non simmo mango ingrate
Passammo sti ghiurnate
A fa sciacquitto.


E lu vedite scritto
Torna lu zampugnaro
Nce mette allummacare
Alleramente.


Nce fa venire a mente
La luminosa stella,
La bella grotticella
E li pasture.


Che gruosse e criature
Dall'Angelo avvisate
Correvano priate
A la capanna.


E cchi Ile porta o manna,
Co ceste e co panare
E chi lu va adurare
A faccia nterra.


E da lontana terra
Per fine li Re Magge
Cu traine e carriagge
Se partettero


Ch'appena che vedettero
Lu cielo alluminato
Dicettero era nato
Lu Messia.


E co gran cortesia
Vediste aggenucchione
De nanze a nu guaglione
Tre regnante.


Erode, re birbante
Trasette gia' mpaura
Ca chella criatura
Lo spriorava.


E pecche' se tremava
Chell'arma ntaverzata,
Fa fa chella salata
De guagliune.


Che simmele a picciune
Li facette scannare
Pe farece ncappare
A lu bambino.


Cchiu' nfame, cchiu' assassino
Nn'avite visto mai !...
E nterra non chiavaie
Tanno pe tanno.


Ma le restaie lu nganno.
Nè ce cacciaie niente
Co tutte li nuziente
Ch'accedette


Che la Madonna avette
Da cielo lu consiglio
De ne fuì lu figlio
Tanno tanno.


Sti ccose già se sanno
Ma quanno è chisto juorno
Nce arrollano cchiù attuorno
A la memoria.


E sia ditta pe gloria
Nce portano allegrezza
Tanto che c'è priezza
Pe ogni parte.


E sulo all'addonare
Che asciute so li ppigne
Te preje a chillo signe
De Natale.


Vi' mo p'ogne locale,
Pe puoste e pe pontune
Li rrobbe so a montune
Apparicchiate.


A festa so aparate,
Purzì fora li vie
Poteche, speziarie
E bancarelle.


E nne vide sportelle
Panare, votte e ceste,
E scatole, e caneste,
E gran sportune !


D'anguille e capitune
E pisce d'ogni sciorte
Ne vide grosse sporte
A centenare.


Tutta sta rroba pare
Potesse abbastà n'anno,
Eppure tanno tanno
Scomparisce.


La gente trase e esce,
E corre, va, e vene
E spenne quanno tene
Pe la canna.


Nè truove chi non manna
N'aurio, o nu rialo
Sarrà malo natale
Non manna' niente


Lu strazio de' nuziente
Se fa co li' capune
Che songo a miliune
Scapezzate.


Ne, vuie quanno trovate
Cchiu' festa e cchiu' allegria
Ma la pezzentaria
Nun canuscimmo.


E nuie percio' venimmo
Cu festa, canto e suono
P'aurià lu buon
Principio d'anno


Priesto che fenarranno
Li guaie e li tormiente,
Né mai cchiù lamiente
Sentarraie.

 

Spero che vedarrate
Spuntà' pe vuie na stella
Lucente comm'a chella
E auriosa.

 

Spero ch'assai sfarzosa
La sciorte addeventasse
E che ve contentasse
A tutte quante.

 

Si sì niuziante,
Sempe puozz'aunnare
Conm'aonna lu mare
Ntutte Il'ore


Si po si vennetore,
E tiene magazzino
Se pozze ogni carrino
Fa ducato.


Si po sì n'avvocato
Ti dico solamente
Che puozze ave’ cliente
Capo tuoste.

 

Pecchè t'abbusco vuosto
Nce sta' d'ogne manera,
O perde, o va ngalera,
O fa denare.


Puozze, si si' nutare,
Fa poche testamiente,
Capitule e strumiente
Nzine fine.


Sì nu ngegnere fine?
Trovasse ricche pazze,
Pe fraveca' palazze,
E turriune


O meglio a la Commune
Aggranfate coll'ogne
Ca Ilà sempe se magne,
E se va nchino.


Si n'ommo trafechino
E vuò cagnare stato
Rijesce Deputato
O Consigliere.


Tanno sì Cavaliere!
Si lu guverno appruove,
Ll'anema de li chiuove
Venarranno.


Si prevete? Te manno
L'aurio che dimane
Sì fatto parrucchiano
O monsignore.


Si si' faticatore,
Salute, forza e accunte
Accussì tu la spunta
E può campare.


Pero' aje da scanzare
Lu juoco e la cantina
O ncuorpe a la matina
Niente trase.


Si sì patron 'e case
Te scanza lo Signore
De malo pagatore
Comm'a nuie.


Che ntiempo se ne fuie,
Li tterze si nun pava
E se porta la chiava
D'altrittante.


Si po si navigante,
Nn'avisse mai tempeste,
Fa li viagge leste
E ricche ancora


Si miedeco? bonora
Me 'mbroglie nveretate
Va puozzo ogne malate
Fa guarire


Sti bobbo pozzo dire,
Si si' nu speziale
Sanasse ogne male,
Ogne dolore.


Si po si' giuocatore,
Venga la carta mpoppa
Ne puozze mai fa toppa
A zecchinetto


Si essere prutetto
Da la fortuna vuoje,
Cerca e fa quanto puoje
D'essere ciuccio.


Si quacche impiegatuccio
Puozzo piglià nu terno,
Si no starrai n'eterno
Ndebbetato.


Nzomma, nqualunque stato
Avvisse li rricchezze
E chelle contentezze
Ch' addesirie.


E chi ne tene mmiria
Che pozza fa na botta
E Ile scennesse sotta
Nu contrapiso.


Troppo nce avite ntiso
E ve site stufate,
E nuie simmo stracquate
E sete avimmo.


Da cca' non nce movimmo
La faccia è troppa tosta
Simmo venuto apposta
E ll' aspettammo.


Ne ch'addesiriammo
Castagne, fiche e nuce
E autre cose doce,
E susamielle.


Duie o tre canestrielle
Abbastano a sta panza,
Sapimmo la crianza
E simme poche.


Primma de chesso Iloche
Nce aprite la dispenza,
Simme di confidenza
Pigliammo tutto.


O provole, o presutto
N'arrusto o nu castrato
Sia friddo o sia scarfato
Nu capone.


Nuie l'obbligazione
Sapimmo esattamente
Nun nce restammo niente
Pe farve onore


Ca site nu signore
Sfarzuso e corazzone,
E ntutte l'occasione
Nun scumparite.


Piacere anze nn'avite
Si v'hanno scommodato
E nce addesiriate
L'anno che vene.


Tanno trovà cchiu bene
Speranno cchiu allegria
E na speziaria
De cose doce.


Nce resta aizà la voce
Pe ve cercà licenza
Dann a' sta bona udienza
La bona notte.


E bona notte
Buon capodanno a tutte,
E bona notte.

 

 

Apriamo l'anno nuovo

con tric-trac e botti

passiamo questa notte

in allegria.

 

Nacque il Messia

avendo in povertà

un bue e un asinello

per braciere.

 

Da allora in questa maniera

sono trascorsi i giorni

per far dispetto e vergogna

al diavolo.

 

Che quel ladruncolo

ci teneva nelle grinfie

ne ci avrebbe liberato

e ci arrostiva.

 

Se in tempo non veniva

dal cielo il Bambino

che del suo altruismo

ci pregiò.

 

Tutti dai guai

volle liberarci

patendo, lasciandoci

anch'egli la vita.

 

Ma noi dimenticandoci

non siamo nemmeno grati

passiamo queste giornate

a bere allegramente.

 

E lo vedete scritto

torna lo zampognaro

e suona la zampogna

allegramente

 

Ci fa tornare in mente

la stella luminosa,

la graziosa piccola grotta

ed i pastori

 

Che grandi e piccoli

dall'Angelo avvisati

correvano contenti

alla capanna

 

E chi porta o manda

con cesto e con il paniere

e chi lo va ad adorare

con la faccia a terra

 

E da lontana terra

persino i Re Magi

con traini e carri carichi

Partirono

 

Che appena videro

il cielo illuminato

dissero era nato

il Messia

 

E con gran cortesia

videro inginocchiarsi

davanti ad un bambino

tre regnanti (re Magi)

 

Erode, re birbante

cominciò ad aver paura

che quella creatura

lo spodestasse

 

E per le sue paure

quell'anima torva e cattiva

fece fare quella strage

di bambini

 

Che simili a piccioni

li fece sgozzare

per riuscire ad intrappolare

il Bambino

 

Più infame, più assassino

non avete visto mai !...

e a terra non andò

in quel momento

 

Ma gli restò l'inganno

nè ci ricavò niente

con tutti agli innocenti

che uccise

 

Che la Madonna ebbe

dal cielo il consiglio

di far fuggire il figlio

subito

 

Queste cose già si sanno

ma quando è questo giorno

ci frullano di più

alla memoria

 

E sia detto per gloria

ci portano allegria

tanto che c'è gioia

in ogni parte

 

E solo quando ti accorgi

che sono uscite le pigne

gioisci per quel segno

di Natale

 

Vedi ora per ogni locale

nei punti vendita e negli angoli di strada

la merce è abbondantemente

esposta

 

Son preparati a festa

perfino fuori in strada

botteghe, spezierie

e bancarelle

 

E ne vedi di cassettine

panieri, botti e cesti

e scatole, e canestre,

e cassettoni !

 

Di anguille e capitoni

e pesci di ogni tipo

ne vedi grosse casse

a centinaia

 

Tutta questa roba sembra

potesse bastare per un anno

eppure immediatamente

sparisce

 

La gente entra ed esce

e corre, va, e viene

e spende ciò che ha

per la gola

 

Non trovi chi non manda
un augurio, o un regalo
sarà un cattivo Natale
non mandare niente

 

Lo strazio degli innocenti
si fa con i capponi
che sono a milioni
decapitati

 

Ne, voi quando trovate
più festa e più allegria
ma l'elemosinare
non conosciamo

 

E noi perciò veniamo
con festa, canti e suono
per augurare il buon
principio d'anno

 

Finiranno presto
i guai e i tormenti,
e mai più lamenti
sentirai

 

Spero che vedrete
spuntare per voi una stella
lucente come quella
di buon augurio

 

Spero che assai sfarzosa

la sorte diventi

e che vi accontentasse

tutti quanti

 

Se sei negoziante

che tu possa sempre avere ogni bene

come il ripetersi delle onde del mare

a tutte le ore

 

Se poi sei un venditore,
e tieni un negozio
si possa ogni carlino (monetina)
far ducato (moneta di valore)

 

Se poi sei avvocato
ti dico solamente
di avere dei clienti
testardi

 

Perché il vostro guadagno
ci sta in ogni maniera
o perde, o va in galera

o fa soldi

 

Ti auguro, se sei notaio
di fare pochi testamenti,
capitolati e contratti
senza fine

 

Sei un fine ingegnere?
Trova persone ricchissime,
per costruire palazzi

e torrioni

 

Ancor meglio al Comune 
aggrappato con le unghia
che li sempre si mangia
e si va pieni

 

Sei ingegnoso a trarre guadagni
e vuoi cambiare condizione
diventa Deputato
o Consigliere

 

Tanto sarai Cavaliere!
se approvi il Governo,
la forza del denaro
verrà.

 

Sei prete? Ti mando
l'augurio che domani
diventi parroco
o monsignore

 

Se sei lavoratore,
salute, forza e acconti
in questo modo tu la spunti

e puoi vivere

 

Però devi evitare
il gioco e la cantina
o altrimenti al mattino
resti digiuno

 

Se sei proprietario di case
ti scansi Iddio
dai cattivi inquilini
come noi

 

Che in tempo scappa via, se non 

paga la terza parte di un annata di pigione

e porta con se la chiave

per altrettanti giorni

 

Se poi sei un navigatore
non avere mai tempeste,
fa viaggi veloci
e remunerativi

 

Sei medico? Accidenti

m'imbrogli in realtà

che tu possa ogni malato
far guarire

 

Questo intruglio posso dire,

se sei un farmacista

sani ogni malanno,

ogni dolore

 

Se poi sei un giocatore,
venga la carta fortunata
con l'augurio di non sbagliare mai
nel gioco delle carte

 

Se vuoi essere protetto
dalla fortuna,
cerca di fare il possibile
di essere lavoratore

 

Sei un piccolo impiegato
ti auguro di fare un terno,
altrimenti resterai in eterno
indebitato

 

Insomma, in qualunque condizione
che tu abbia le ricchezze

di quella contentezza

che desideri

 

E chi ne è invidioso

che possa fare un botto

e gli scendesse sotto

un contrappeso (ernia)

 

Troppo ci avete ascoltato
e vi siete stufato,
e noi siamo esausti
e abbiamo sete.

 

Da qui non ci muoviamo
la faccia è troppa tosta
siamo venuti di proposito
E lo vogliamo

 

Ne cosa desideriamo
castagne, fiche e noci
e altre cose dolci,
e susamielle (biscotti tradizionali).

 

Due o tre canestrelli
bastano alla mia pancia,
sappiamo le buone maniere
e siamo in pochi

 

Prima di questi
aprite la dispensa,
siamo di confidenza
prendiamo tutto.

 

O provole, o prosciutto
un arrosto o un castrato
sia freddo che scaldato
un cappone

 

Noi l'obbligazione
sappiamo esattamente
non vi lasciamo niente
per onorarvi

 

Che siete un signore
sfarzoso e di gran cuore,
e in tutte le occasione
fate bella figura

 

Piaceri anzi ne avrete
se vi hanno scomodato
e ci desiderate
l'anno prossimo

 

Devono trovarti meglio
sperando più allegro
di uno spaccio
di cose dolci.

 

Ci resta di alzar la voce
per chiedervi il permesso
di andare a meditare
la buona notte.

 

E buona notte
Buon capodanno a tutti,
E buona notte.

 

 

 

 

  

( Autore: Maurizio Cuomo - © Copyright 2002 www.liberoricercatore.it  )